Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Dovizioso e Crutchlow soddisfatti dei test malesi

Dovizioso e Crutchlow soddisfatti dei test malesi

Conclusa la tre giorni di test ufficiali sul Circuito Internazionale di Sepang, il Monster Yamaha Tech 3 ha mostrato soddisfazione per i passi in avanti fatti in vista dell'imminente Campionato del Mondo MotoGP™ 2012.

L'inglese Cal Crutchlow non ha impiegato molto tempo per ricercare la propria velocità in questo primo test ufficiale (3º miglior crono della prima giornata), ed ha poi mantenuto posizioni di rilievo anche nelle sessioni successive. Nella sua seconda uscita con la Yamaha 1000cc, Crutchlow ha lavorato su un'ampia gamma di impostazioni rivolte all'aumento della velocità e della confidenza con la nuova YZR-M1. Nell'ultima giornata si è reso protagonista di una innocua caduta all'altezza della curva numero 13, ed ha lasciato Sepang con il tempo sul giro definitivo di 2:01.108.

Andrea Dovizioso ha da subito dimostrato voglia ed impegno nella presa di confidenza con la YZR-M1. L'italiano non si è trattenuto nonostante la recente frattura alla clavicola, dando sempre il massimo di se stesso in pista. Il calore intenso e l'umidità rendono la guida sull'International Circuit di Sepang sempre difficile e faticosa. Dovizioso ha completato 102 tornate del tracciato malese facendo registrare un crono rapido di 2:01.257, posizionandosi subito dietro il compagno Crutchlow nella classifica finale.

Cal Crutchlow, Monster Yamaha Tech 3
"Sono molto contento di come sono andate le cose in questo test, è stata una buona iniezione di fiducia per inaugurare l'anno. Sepang è un circuito che mi piace particolarmente, e mi sono piazzato terzo il primo giorno e quinto nel secondo. Sono sicuro che il quinto posto sarebbe potuto arrivare anche nell'ultima giornata, ma un paio di cose non sono andate per il verso giusto. Sono caduto in mattinata alla curva numero 13 quando sono finito lungo sulla parte sporca della pista. È stata colpa mia e lì ho perso qualcosa a livello di tempo.Subito dopo, quando ero pronto per provare a spingere più forte, ha cominciato a piovere costringendoci a terminare i lavori in anticipo".

Andrea Dovizioso, Monster Yamaha Tech 3
"Sono davvero felice, soprattutto dell’essere stato qui visto che in molti dubitavano. La clavicola era fratturata in un punto delicato, ed ero molto preoccupato per questo test. Questa tre giorni è stata di fondamentale importanza e voglio ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato nel mio recupero in Italia e che hanno reso possibile tutto questo. Abbiamo svolto un buon lavoro nonostante le mie condizioni fisiche, e sono soddisfatto perché ogni giorno il mio feeling con la M1 è aumentato. Una cosa certa è che dovrò sforzarmi per cambiare il mio stile di guida. C’è una grande differenza tra la Yamaha e la Honda con la quale ho corso negli ultimi quattro anni, e proprio per questo devo imparare ad utilizzare i punti positivi della M1. Devo ammettere che non è stato facile girare nella mia condizione fisica: nelle frenate e nelle curve a destra faticavo non poco e anche nei cambi di direzione era un problema, perché non ho ancora recuperato in pieno la forza. Non vedo l’ora di poter provare ancora quando sarò quasi al 100% della mia capacità fisica".

Comunicato stampa Monster Yamaha Tech 3.

Tags:
MotoGP, 2012, Andrea Dovizioso, Cal Crutchlow, Monster Yamaha Tech 3

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›