Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Fine settimana da dimenticare per Zarco

Caduto nelle fasi iniziali del GP di Silverstone, il francese si rammarica in un appuntamento dove poteva fare bene. Buon esordio anche di Granado che porta a termine la sua prima gara Moto2.

Il Team JiR lascia Silverstone con un po’ di dispiacere per la caduta di Johann Zarco proprio nel primo giro del GP di Gran Bretagna, che lo ha tolto dai giochi della gara.

Il francese è caduto nel tentativo di evitare il pilota che lo precedeva, incorso in un’incertezza, e attende ora con ansia il prossimo GP di Assen per rifarsi. Nel frattempo l’altro pilota del Team JiR, il brasiliano Eric Granado, ha fatto esattamente quello che ci si aspettava da lui al suo esordio, ovvero riuscire a terminare la sua prima gara nel Mondiale Moto2.

Johann Zarco

Ovviamente sono dispiaciuto del fatto che la gara sia finita così in fretta. La partenza non è stata brillantissima, ma è stato l'ultimo dei miei problemi. Non scappando via subito sono rimasto intruppato nel gruppone, stretto tra Aegerter e Gino Rea. Il problema di rimanere nel gruppo è che spesso i piloti partono forte ma poi non hanno la stessa velocità nel passo, sono riuscito a passare Aegerter e mi sono trovato dietro a Rea, il quale ha perso un attimo l'anteriore costringendomi ad attaccarmi al freno per evitarlo, ed è finita che sono caduto io. Sono dispiaciuto per questo, ma mi servirà di lezione. Forse devo essere più aggressivo nella partenza e magari riuscire a essere più veloce nelle prove, così da partire più davanti e non trovarmi inguaiato in queste situazioni. Ora andiamo ad Assen, ne sono entusiasta, mi piacerebbe non dover aspettare due settimane per risalire in sella, così da poter smaltire questa delusione più in fretta.

Eric Granado

Mi sono divertito in questa mia prima esperienza nel modndiale Moto2. La difficoltà maggiore per me è stata la durata della gara, che è molto più lunga rispetto al CEV o alle gare italiane. Nei primi giri sono riuscito a migliorare i miei tempi e a capire come sfruttare meglio le linee. Da metà gara in poi ho fatto fatica a mantenere la concentrazione, ho fatto anche un errore che mi ha portato fuori pista e ho dovuto alzare il passo fino a fine gara. Ma questa è stata la mia prima gara nel mondiale quindi sono soddisfatto di essere riuscito a finirla, ora pensiamo già alle prossime gare studiando i circuiti e analizzando la telemetria."

Gianluca Montiron

Oggi è stata una delusion per quanto successo a Johann, ma fa parte del gioco, le gare sono così. Crediamo che Zarco avrebbo potuto avere un buon passo nella gara, ma non possiamo saperlo, è un peccato per il risultato perché il nostro primo obiettivo è sempre quello di finire le gare e possibilmente guadagnare punti. Per quanot riguarda Eric invece la nostra aspettativa era una sola: finire la gara e il risultato è stato raggiunto. Ha fatto un buon lavoro ed è anche riuscito a progredire sul passo di gara. Bisogna tenere presente che arrivare di punto in bianco nel mondiale, nella classe Moto2 - che è molto competitiva - è molto difficile. E' un pilota giovanissimo - da poco sedicenne - che è venuto su una pista molto difficile da capire, con un meteo insidioso, nuove gomme a cui abituarsi e nonostante questo è arrivato in fondo. Le gare del mondiale sono inoltre molto lunghe e abbiamo visto come i tempi si siano alzati da metà gara in poi. Questo a causa della moto che inizia a scivolare molto ed è molto più pesante rispetto alle 125 a cui era abituato. Il nostro prossimo obiettivo con Eric sarà di farlo crescere in termini di costanza di passo nella seconda metà di gara e di farlo progredire ancora sui tempi sul giro. Ora pensiamo ad Assen, sperando in un po' di fortuna!

Comunicato Stampa JiR Moto2

Tags:
Moto2, 2012, Johann Zarco, Eric Granado, JIR Moto2

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›