Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Pedrosa rimane agganciato al treno mondiale

Il pilota Repsol Honda Dani Pedrosa ha conquistato un importante secondo posto nel Gran Premio d’Italia, mentre il compagno di squadra Casey Stoner è finito soltanto ottavo, in una gara caratterizzata da temperature decisamente estive (25°C l’aria, 45° C l’asfalto).

Nonostante un buono scatto al via, Pedrosa non è riuscito a tenere dietro Lorenzo, in testa dal primo all’ultimo giro. Dani è rimasto vicino al connazionale per buona parte della gara, stabilendo anche il nuovo record della pista al decimo giro (1'47.705). Alla fine, però, si è ritrovato a fare una corsa solitaria, con 5 secondi di distacco dal primo e altrettanti di vantaggio su Dovizioso.

Partito dalla quinta casella della griglia, Casey ha perso alcune posizioni alla prima curva, recuperate poi gradualmente ed era quinto al nono giro. Un errore commesso al giro successivo (un dritto alla curva Correntaio), lo ha fatto ridiscendere in decima posizione, ma Casey nel finale è riuscito a recuperare su Barbera e Bautista, chiudendo ottavo.

Con questo secondo posto al Mugello, Dani festeggia il suo 64esimo podio nella classe regina, uguagliando il record di Wayne Rainey, tre volte Campione del Mondo classe 500cc. Dani si mantiene secondo nella classifica generale dietro a Jorge Lorenzo, con Casey terzo, quando la stagione è al giro di boa.

Dani Pedrosa

“Alla prima curva ho frenato tardi, ma mi mancava qualcosa e Jorge era già davanti. Alcune curve dopo, Dovizioso mi ha sorpreso, superandomi e ho impiegato alcuni giri per ripassarlo, perché era molto forte alla staccata della prima curva, così dovevo tentare di passarlo in un altro punto del circuito. Quando ci sono riuscito, Jorge aveva già guadagnato un po’ di margine, ma ho cercato di riprendere il mio passo e ho iniziato a girare in 1’47. Tenendo questo ritmo, la gomma derapava molto dietro e avevo chattering, così ero preoccupato per la durata dello pneumatico. Ho deciso di rallentare un po’, perché per riprendere Lorenzo dovevo spingere troppo. Jorge è andato molto forte e desidero congratularmi con lui. Oggi un secondo posto è un buon risultato e desidero ringraziare la squadra per il lavoro svolto durante questo fine settimana”.

Casey Stoner

“Non è andata proprio come ci aspettavamo. Pensavo che avremmo potuto lottare per il podio e forse avere il passo per stare con Dani. Jorge ha guidato in modo fantastico durante tutto il fine settimana, senza commettere errori, ma un terzo posto poteva essere un risultato alla nostra portata oggi. Purtroppo, non siamo riusciti a far funzionare la moto come volevamo. I tentativi di migliorarla nel warm up non hanno dato i risultati sperati e non ero contento, non mi sentivo a mio agio. In gara ho commesso un errore, la moto si è scomposta in uscita della curva 11 e quando sono arrivato alla 12 non avevo freni, li ho stretti con tutta la forza e pensavo di riuscire a stare dentro la riga bianca, invece sono stato costretto ad andare nella ghiaia, perdendo molto tempo. Mi dispiace per la collisione con Alvaro, ho impostato il sorpasso alla curva 2, ma lui ha iniziato a venire verso la mia linea e non ho potuto fare niente per evitarlo. Questo fine settimana difficile si è concluso in modo deludente, speravo di portare a casa un podio, ma purtroppo non ci siamo riusciti”.

Tags:
MotoGP, 2012, Casey Stoner, Dani Pedrosa, Repsol Honda Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›