Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Pedrosa detta i tempi di Laguna

Subito record della pista per il pilota del team Repsol Honda, seguito da Lorenzo e Stoner. Sessione molto combattuta con tutti gli altri molto lontani dai tempi della top3.

A Laguna Seca è subito Dani Pedrosa (Repsol Honda). Lo spagnolo, primo rivale del leader del mondiale, trova a meno di 4 minuti dal termine della fp1 il tepo di 1'21.424, già tempo più rapido del record del circuito e ad appena 2 decimi dalla pole più veloce di sempre sul Mazda Raceway.

Jorge Lorenzo (Yamaha Factory Racing) chiude vicinissimo con appena 74 millesimi di secondo da recuperare mentre Casey Stoner (Repsol Honda), terzo, anche se a 4 decimi netti dal compagno di squadra.

Ben Spies (Yamaha Factory Racing) completa la top4, ultimo in grado di rompere la barriera dell'1'22, con Andrea Dovizioso (Monster Yamaha Tech3) e Cal Crutchlow (Monster Yamaha Tech3) subito dietro, ma con un ritardo importante rispetto ai 4 piloti ufficiali: ben 1,1 secondi dalla vetta e quasi sette decimi dal 4º.

Valentino Rossi (Ducati Team), lontano 1,7 secondi, è settimo. Lo svantaggio dell'italiano, in una pista così corta, è decisamente importante. Dietro di lui Stefan Bradl (LCR Team) e il recente confermato in casa Ducati Nicky Hayden (Ducati Team), mentre Alvaro Bautista (San Carlo Honda Gresini) chiude la top 10.

Colin Edwards (NGM Mobile Forward Racing Team) apre il gruppo CRT con la Suter BMW, precedendo Aleix Espargaró (Power Electronics Aspar) per 264 millesimi. Entrambi sono in grado di piazzarsi davanti al rientrante Karel Abraham (Cardion ab), con Mattia Pasini (Speed Master) appena dietro, con 4 secondi netti da recuperare su Pedrosa.

Toni Elias (Pramac Racing), chiamato a sostituire Hector Barberá, inizia con un 15º tempo a 4,4 secondi dalla vetta. Completano il gruppo Yonny Hernandez (Avintia Racing MotoGP), James Ellison (Paul Bird Motorsport), Danilo Petrucci (Came Iodaracing), Michele Pirro (San Carlo Honda Gresini), Randy de Puniet (Power Electronics Aspar) e Ivan Silva (Avintia Racing MotoGP). Pochissimi giri per il francese.

Ultima posizione, a più di 8 secondi per Steve Rapp, in pista con una Aprilia del team Attack Performance.

Tags:
MotoGP, 2012, FP1

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›