Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Mugello, tempo di conferme MotoGP™

  Honda vuole continuare a dominare l’inizio di stagione, Yamaha cerca il riscatto su una pista storicamente sua, mentre Ducati prova a dare continuità alla bella prova di Le Mans.    

 

Partiamo con un dato fondamentale: con un totale di sette vittorie su undici possibili, Yamaha è la casa più vincente tra le colline del Mugello dall’introduzione dell’era 4 tempi. Un dettaglio importante se pensiamo che, eccezion fatta per Losail 2013, non troviamo una Yamaha davanti a tutti dal GP di Misano dello scorso anno.

Se è pura realtà che le Honda di Dani Pedrosa e Marc Marquez siano al momento le moto migliori, è altrettanto vero che il Mugello sarà la prova del nove per i prototipi della casa alata che vantano appena 3 vittorie dall’avvento della classe MotoGP (2002), due delle quali per mano di Valentino Rossi nelle prime due edizioni. L’unico ad aver portato una Honda 4 tempi sul primo gradino del podio nel recente passato è stato, guarda caso, il leader del mondiale Dani Pedrosa che atterra in Toscana in totale stato di grazia dopo aver dominato il GP di Francia.

Insomma il Mugello come prova fondamentale: da una parte Honda che può confermare lo strapotere di questo inizio di stagione, dall’altro Yamaha che trova una pista amica (come Le Mans) per tornare alla carica. Sicuro è che il Campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo non starà a guardare dopo il deludente settimo posto in Francia, per non parlare di Valentino Rossi che in casa sarà ultramotivato. Tra i due “galli” di Yamaha Factory Racing, non dimentichiamoci di Cal Crutchlow (Monster Tech3 Racing) che in Francia ha già migliorato il suo 2012 e ora l’obiettivo chiaro è la prima vittoria in MotoGP.

Detto di Honda Yamaha, attenzione alle Ducati di Andrea Dovizioso e Nicky Hayden che a Le Mans hanno stupito un po’ tutti, trovando prima fila il sabato e mancando il podio per un nulla con l’italiano. Il Mugello è la pista di casa e l’obiettivo sarà migliorare il 4º posto di due domeniche fa. Per la fabbrica di Borgo Panigale ci sarà anche Michele Pirro (con la Ducati Lab), mentre Pramac Racing dovrebbe contare con il rientro di Ben Spies e sulle prestazioni a pieno regime di Andrea Iannone.

Anche per Alvaro Bautista si tratterà di una gara quasi casalinga. Con il team Gresini lo spagnolo sta facendo bene per ora, anche se ci si attende di vederlo sul podio il prima possibile con l’unico prototipo Honda della griglia con sospensioni Showa.

In CRT nessuno è stato per il momento in grado di strappare il Parc Fermé ad Aleix Espargaró (Power Electronics). Lo spagnolo, spettacolare nelle prime quattro prove del mondiale,  vanta ben 20 punti mondiali, 3 in più di piloti come Stefan Bradl (LCR Honda) e Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3).

Tags:
MotoGP, 2013

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›