Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Espargaró fulmine in Catalunya

  Per la prima volta in carriera vince sul circuito di casa lo spagnolo che si rimette in carreggiata in classifica generale. Rabat e Luthi sul podio. Redding quarto.  

 

 

Partenza complicata per la classe intermedia con la caduta di Toni Elias, subito fuori, e con una gran confusione davanti che favorisce il duo del Tuenti HP 40 formato da Espargaro e Rabat.  Fuori anche Rossi e Odeendal.

Continuano le cadute con Cardus e Simeon a contatto, solo lo spagnolo potrà rientrare in pista. Davanti intanto Espargaro e Rabat sembrano darsi più fastidio che altro e permettono così a Luthi di riportarsi a 3 decimi. Fuori anche De Angelis, costretto al ritiro poco dopo, come lui anche Cortese.

Redding non pare in grado di seguire i primi tre e a metà gara accusa un secondo dalla testa della corsa. Ancora più indietro Nakagami e Krummenacher si giocano solitari la quinta piazza. Out anche Sucipto.

A 10 giri dal termine Rabat passa Espargaró e prova ad alzare il ritmo ma il compagno di squadra non molla. Insieme lasciano i primi rivali (Luthi e Redding) ad oltre 2 secondi. Torres cade ed è out (era ottavo), si ritirano Schrotter e West.

La sfida per la vittoria è tra Espargaró e Rabat, ma il 40 ha una marci in più e ritrova i 25 punti che mancavano da Losail. Sul podio anche Rabat e Luthi, che torna nella top3 da Brno 2012.

Tags:
Moto2, 2013, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›