Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

I numeri del Red Bull Indianapolis Grand Prix

I numeri del Red Bull Indianapolis Grand Prix

  Statistiche e curiosità per iniziare il fine settimana di gara con qualche numero per la testa.  

 

37 – Tante sono le gare in MotoGP senza vittorie americane. L’ultima è quella di Ben Spies ad Assen nel 2011.

32 anni – Il venerdì di Indy ricorrerà l’anniversario della vittoria di Barry Sheene nel GP svedese di Anderstorp, fu l’ultima vittoria inglese nella classe regina.

29 – La vittoria di Marc Marquez a Laguna Seca porta a 29 i trionfi in carriera dello spagnolo. Stesso numero di Loris Capirossi. Un’altra vittoria lo porterebbe a raggiungere il tre volte campione 125 Luigi Taveri.

27 – Ci sono state 27 gare MotoGP senza un americano nel podio. (L’ultimo a Valencia 2011 con Ben Spies). Si tratta della sequenza più lunga da quando Kenny Roberts salì sul podio in Malesia (1999) dopo 33 gare senza podio a stelle e strisce.

8 – Sia Luis Salom che Maverick Viñales sono stati sul podio nelle prime otto gare della stagione. Solo un pilota nella storia ha fatto meglio: Fausto Gresini vinse le prime dieci gare di 11 in 125 nel 1987.

7 – Le ultime sette gare in USA sono state vinte da piloti Honda. L’ultimo non Honda fu Jorge Lorenzo nel 2010 a Laguna Seca su Yamaha.

3 – Indy è una pista per piloti Honda che in MotoGP hanno dominato nelle ultime tre stagioni.

2 – Marc Marquez ha già vinto le prime due gare negli USA quest’anno. Se dovesse vincere ad Indy diventerà il terzo pilota a vincere tre gare nello stesso Paese in una stessa annata.  Gli altri sono Jorge Lorenzo nel 2010 (Jerez, Catalunya & Valencia) e Casey Stoner nel 2011 (Catalunya, Aragon, Valencia).

3 - Indianapolis è una delle tre piste del calendario dove Lorenzo non ha ancora trovato la pole. Le altre due sono Austin e Valencia.

1 – Con Aleix Espargaro fuori dalla zona punti a Laguna Seca, l’unico pilota sempre a punti in questa stagione si chiama Andrea Dovizioso.

 

Tags:
MotoGP, 2013, RED BULL INDIANAPOLIS GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›