Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Jack Miller, un giro da record

L’inavvicinabile australiano stacca un crono impressionante migiore di 4 decimi rispetto all’ultima pole di Rins. Sul podio i suoi compagni del team Redbull Ajo, la promessa Hanika e Danny Kent. L’Italia c’è: il terzetto Fenati-Bagnaia-Antonelli ha giá avvisato i rivali.

Quindici piloti in 1”, i primi dieci addirittura in sei decimi: questa la radiografia del secondo giorno di Jerez de la Frontera in cui la middle class ha mostrato tutto il suo potenziale esplosivo.

Jack Miller inizia a far sul serio sin dalle prime battute, ripetendo subito la prestazione fatta segnare ieri. Non contento, l’australiano del team RedBull Ajo continua a martellare a suon di giri veloci scendendo addirittura a 46”2: quattro decimi piú veloce della pole position di Rins dello scorso anno!

Compagine di Ajo è in festa: al secondo posto la giovane promessa Karel Hanika. Il 17enne ceco, ha tirato fuori gli artigli giá alla sua seconda apparizione ufficiale. Dopo la non brillante prova inaugurale di Valencia conclusa con la brutta botta al polso destro, il trionfatore della Rookies Cup 2013 si è fatto notare nelle zone che contano.

Il podio del patron finlandese è completato da Danny Kent. Il pilota dell’Husqvarna si è visto beffare di 1 solo millesimo dal giovane talento e siam sicuri oroverá a tentare l’affondo nella gironata conclusiva di domani. L’Italia perónon è stata a guardare, anzi.

Immediatamente giú dal podio virtuale, la coppia dei piloti Sky VR46: ieri con una moto ancora  identica a quella di Valencia, oggi invece alle prese con soluzioni di assetto per entrambi, visto il loro stile guida molto diverso: Romano Fenati è solito aprire prima il gas, giá a centro curva e si è quindi rivolto nella ricerca di maggior grip; al contrario Bagnaia ha una guida piú pulita e necessita di un assetto che gli dia un buon feeling.

In 6ª posizione Nicco Antonelli. Il 17 enne di Cattolica prosegue il suo avvicinamento alla KTM del team GO&FUN, “giocando” molto col freno motore per abituarsi alla moto e aumentare il proprio feeling. Nel mezzo dell’egemonia KTM, svetta la Honda di Efren Vazquez: con le sospensioni messe a punto ieri, il lavoro dello spagnolo quest’oggi si è rivolto sul consumo delle gomme e su una nuova frizione. Nella top ten si rivede la Estrella Galicia di Alex Marquez: il telaio di quest’anno si adatta meglio al suo stile di guida e gli consente di frenare meglio in ingresso di curva.

Guarda tutti i risultati della Moto3 nel Day2 di Jerez

Tags:
Moto3, 2014

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›