Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Lorenzo ancora davanti in Australia

In questo test rivolto interamente agli pneumatici, le prestazioni contano poco. Eppure il maiorchino si conferma in testa nel secondo giorno a Phillip Island. Bene anche Pedrosa, cresce Dovizioso; tra le Moto2™ il migliore è Tito Rabat.

Continua sul bellissimo tracciato australiano di Phillip Island il test incentrato sulla sicurezza, la costruzione e la realizzazione degli pneumatici che vede coinvolti i piloti ufficiali e i fornitori delle classi MotoGP™ e Moto2™, Bridgestone e Dunlop. Il focus è quello di scongiurar quanto accaduto nella gara dello scorso ottobre. Nella top class, delle sei coperture per il 2014 portate in Australia, i piloti hanno giàa indicato tre scelte.

Aveva lasciato Sepang la settimana scorsa con l’amaro in bocca, rifiutandosi addirittura nel rilasciare dichiarazioni. Aveva il dito puntato contro la Bridgestone per le nuove coperture del 2014 portate dal fornitore giapponese in Malesia. Ma qui le cose sembrano decisamente cambiate per il vice-Campione in carica, Jorge Lorenzo.

Il maiorchino della Yamaha Factory conclude in vetta alla classifica dei tempi anche il secondo giorno qui a Phillip Island, con un miglior crono di 1’29.133, limando leggermente il  suo tempo di ieri e lasciando Pedrosa a due decimi e mezzo.

Il pilota del team Repsol Honda migliora invece sensibilmente (oltre mezzo secondo) rispetto alla sua prestazione di lunedì e chiude la giornata al 2° posto assoluto negando a sua volta, per appena 6 millesimi, la piazza d’onore alla Ducati.

Dopo il 2° posto di Crutchlow di ieri, quest’oggi è invece toccato ad Andrea Dovizioso l’onore di salire sul podio virtuale e avvicendarsi all’inglese in quelli che sembrano esser dei chiari segnali di ripresa e di crescita costante della casa di Borgo Panigale.

Valentino Rossi è stato invece il pilota che ha completato più giri tra i cinque rider qui in rappresentanza della classe regina. Il Dottore ha fatto registrare la sua migliore prestazione solo “in extremis”, al 74° dei suoi 75 giri. Fanalino di coda Cal Crutchlow: l’inglese, dopo aver brillato ieri, è l’unico pilota ad alzare il suo crono di ieri.

A tre secondi (di ragionevole distanza), troviamo le Moto2 invitate per l’occasione dalla Dunlop per svolgere gli stessi cui sono chiamate le squadre della MotoGP. Il team Marc VDS Racing batte quello Mapfre Aspar piazzando i suoi piloti davanti, ma ad impressionare è uno solo : Esteve “Tito” Rabat.

Lo spagnolo conclude questo secondo giorno con ben 101 giri al suo attivo e stacca il suo compagno di squadra, Mika Kallio, ad oltre mezzo secondo. Il finlandese dimostra comunque di essersi ripreso dalla botta al polso rimediata ieri e migliora il suo personale crono di ben otto decimi.

A tre decimi da Kallio, si piazza Nico Terol. Autore anche di una spettacolare caduta che ha costretto all’esposizione della bandiera rossa, il pilota spagnolo se l’è cavata senza importanti conseguenze precedendo il suo connazionale e compagno di squadra, Jordi Torres. Altra interruzione dal tono più leggero, è stata invece offerta dal siparietto dovuto all’ “invasione” di uno stormo di oche, scacciate poi marshall.

I test proseguiranno domani, con il terzo e ultimo giorno in programma, dalle 9:30 alle 17:30 ora locale (GMT +11) .

Guarda tutti i tempi del test di Phillip Island

Tags:
MotoGP, 2014

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›