Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Cinque minuti con Sam Lowes

Cinque minuti con Sam Lowes

Il Campione in carica Supersport Sam Lowes ha impressionato per il suo passo anche nel Campionato del Mondo Moto2™. Pur essendo l'unico rappresentante del team Speed ​​Up, il rookie ha terminato nella top ten in tre delle quattro gare che ha terminato. L'inglese si è preso cinque minuti con motogp.com.

Sam, sei arrivato nel Campionato del Mondo Moto2™ come campione del mondo Supersport, invece di passare dalla Moto3™. Pensi sia stata la scelta giusta?

Sicuramente. E' stata una scuola di apprendimento enorme per me. Se avessi fatto la  Moto3™ sarebbe stato utile, ma mi ha anche aiutato entrare come campione del mondo Supersport; di certo non mi ha rallentato.

Quanto di una differenza hai trovato in Moto2™? Non solo per l’adattamento alla moto, ma anche al tipo di battaglie che si hanno?

E' molto diverso sia come stile di guida sia come modo di combattere - i primi giri, poi, sono tutti aggressivi! Ma a me piace. Ora ho solo bisogno di preder confidenza, abbiamo fatto alcuni passi importanti e mi sto già abituando alla svelta.

Visto che sei l’unico pilota factory Speed Up, hai già ricevuto il nuovo telaio? In cosa sará diverso dal precedente?

Stiamo giá usando il nuovo telaio, ma ora siamo in attesa di un paio di aggiornamenti. Stiamo cambiando alcune cose man mano. Si potrebbe dire che ho un sacco di pressione addosso per svilupparlo, ma provenendo dalla Supersport posso anche dare delle direzioni diverse. Con il nuovo telaio, siamo alla ricerca di maggior grip al posteriore e di una miglior percorrenza in curva, ma in Moto2™ si fanno solo piccole modifiche alla volta. Che di solito è tutto ciò che serve per avere poi un buon passo. Sto anche aspettando di ricevere una nuova sella, più confortevole. Non è legato al tempo sul giro, ma solo a un maggiore comfort e fiducia.

Fin dalla tua prima gara, sei stato sempre nella prima metá del gruppo. Sei partito dalla quinta posizione in griglia in Qatar e hai finito nella top ten in tre occasioni su cinque GP. Qual è il tuo segreto?

Sento che avrebbe potuto andare anche meglio. Per essere onesti, in America penso che avrei potuto finire sesto o settimo, se non fossi stato tirato giù alla prima curva. Ci stiamo avvicinando a quelli davanti, ma la nostra preparazione resta sempre la stessa. Quindi, no, non ci sono segreti: dobbiamo solo metterci su. Noi non siamo lontani; abbiamo solo bisogno di più fiducia e tutto sta arrivando il tempo.

Parlando onestamente, siete rimasti sorpresi voi stessi sorpresi dalle vostre performance?

Sono venuto qui con molta fiducia rispetto allo scorso anno. Non ero mai stato qui prima, ma sicuramente non sono arrivato per fare numero. Sono felice di come sta andando, ma non voglio soltanto terminare le gare ... Voglio essere più vicino alla top five e spingendo per il podio.

Ci Puoi spiegare il recente passaggio della livrea da un arancio acceso al rosa brillante?

Sponsor! Una società italiana di accessori per cellulari. Abbiamo alcuni ottimi partner di lunga data e altri sponsor e continueremo a cambiare livrea durante la stagione.

Tags:
Moto2, 2014

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›