Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Alex Marquez concede il ‘bis’

Alex Marquez concede il ‘bis’

Il pilota spagnolo del team Estrella Galicia 0,0 conquista sul TT di Assen la sua seconda vittoria consecutiva dopo quella di Barcellona. Salgono sul podio il suo compagno di squadra Alex Rins  e il portoghese Miguel Oliveira (Mahindra Racing). Cadute di Miller e Bastianini, gara rocambolesca per Romano Fenati.

Dopo il primo successo stagionale colto due settimane orsono al round di Barcelona-Catalunya, Alex Marquez concede il bis e va a vincere anche sul TT di Assen una gara rocambolesca caratterizzata da molte cadute, due delle quali ‘eccellenti’: quelle del leader del mondiale Jack Miller e di Romano Fenati. Con l’australiano fuori dai giochi praticamente subito, l’ascolano dello Sky Racing VR46 è caduto per ben due volte, non riuscendo alla fine a finire a punti. Per effetto di questa vittoria, e con i due leader fermi a ‘zero’, Alex Marquez aggancia Fenati al secondo posto assoluto in classifica, a soli 7 punti da Miller.

Scattano bene i piloti della prima fila e tutti gli inseguitori sfilano senza problemi nelle prime curve dei 4,542 Km del TT. Ma non si completa neanche il primo giro che succede di tutto all’altezza dell’ultimo chicane prima del traguardo: il leader del mondiale  Jack Miller (Red Bull KTM Ajo) scivola via, Romano Fenati (Sky Racing VR46) arriva lungo e costretto a tagliare sulla ghiaia e a riprendere dal fondo dello schieramento, Enea Bastianini (Junior Team GO&FIN Gresini) è protagonista di un highside nella esse e finisce la sua gara senza neanche completare il primo giro.

Le Estrella Galicia di Alex Marquez e Alex Rins volano in testa alla corsa, la Honda si conferma con il terzo posto di Efren Vazquez (SaxoPrint-RTG) che era scattato dalla 15ª posizione, dopo le disastrose qualifiche di ieri. Altro highside spettacolare è quello che al settimo giro mette fuori causa Niklas Ajo (Avant Tecno Husqvarna). Intanto Romano Fenati, riaccodadosi in 20ª piazza, a suon di giri veloci recupera rapidamente posizioni e in men che non si dica è giá 12º.

Alex Marquez commette un piccolo errore andando largo e consente al compagno di squadra Alex Rins di avvicinarsi pericolosamente. Dietro le due fuggitive Estrella Galicia peró, c’è ora la Mahindra del portoghese Miguel Oliveira, che si mette così alla testa del trenino degli inseguitori. Fenati contuinua ad esser il pilota piú rapido in pista e grande è il rammarcio per quel suo errore iniziale. L’ascolano mette nel suo mirino il connazionale Niccolò Antonelli. La prima KTM è quella di Karel Hanika, quinto.

All’inizio dell’undicesimo passaggio iniziano le scaramucce in famiglia al comando della gara: Rins passa Marquez, ma il vincitore del round di Barcellona gli concede solo poche curve e si rimette davanti. Fenati entra nella top ten forte del record della pista e si getta nella lotta. Purtroppo al 14º giro, per evitare di centrare Hanika, pinza forte e perde l’anteriore: il pilota dello Sky Racing riesce comunque a riprendere la via della pista, ma dalla 23ª posizione è tutto da rifare.

Alex Marquez riesce a mettere un piccolo margine tra sè e il team-mate Alex Rins, che nel frattempo deve guardarsi anche dall’arrembaggio di Miguel Oliveira (Mahindra Racing). Il portoghese non demorde e a 6 giri dalla fine sferra l’attacco decisivo e si porta in seconda poizione assoluta, anche se i due rimangono attaccati. Lo spagnolo sembra studiarlo in attesa dell’attacco finale.

Nel secondo gruppo è piena bagarre, tutti contro tutti, con Efren Vazquez e Alexis Masbou (Ongetta-Rivacold) che si scambiano ripetutamente la quarta posizione. Alla fine del penultimo giro Isaac Viñales (Calvo Team) rompe gli indugi e scavalca il connazionale, imitato da Danny Kent (Red Bull Husqvarna Ajo).

Marquez va a vincere in solitaria la sua seconda gara stagionale e consecutiva, bissando il successo di Barcelona-Catalunya. Un sorpasso da manuale all’ultima chicane, consente al suo compagno di squadra Alex Rins di aver la meglio su Miguel Oliveira e prendersi il secondo gradino del podio. Arrivo in volata per il gruppo degli inseguitori; sulla linea del traguardo la spunta il francese Alexis Masbou, seguito dall’italiano Niccoló Antonelli: un buon 5º posto per il 18enne di Cattolica che gli restituisce fiducia e morale.

Proprio davanti alla linea del traguardo, Luca Grunwald (Kiefer Racing) tira giú gli incolpevoli Alessandro Tonucci (CIP) e Juanfran Guevara (Mapfre Aspar).

Guarda i risultati della gara della classe Moto3™ a Assen

Tags:
Moto3, 2014, IVECO DAILY TT ASSEN, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›