Acquisto Biglietti
Acquisto VideoPass

Strategie errate per i piloti Tech3

Entrambi i piloti del team Monster Yamaha Tech3, Bradley Smith e Pol Espargaró, sabato scorso ad Assen hanno adottato delle differenti soluzioni; tuttavia le loro strategie non hanno dato i risultati sperati.

Nel caso di Smith, l’inglese ha concluso il Dutch TT in ottava posizione dietro lo spagnolo del team GO&FUN Honda Gresini, Alvaro Bautista:

"Da un punto di vista della strategia, credo che abbiamo fatto la scelta giusta in termini di pneumatici e mescole - sia sul bagnato e sull'asciutto," ha esordito Smith. "E' stato un mio errore, però, di rimanere fuori un giro di troppo e perdere una decina di secondi preziosi, non montando subito la slick. Sono arrabbiato con me stesso perchè per il passo che avevo, avrei potuto lottare tranquillamente per la quinta posizione.

Per il suo compagno di squadra, Pol Espargaró, che ad Assen aveva vinto l'anno scorso la gara della Moto2™ partendo dalla pole position, è invece rientrato ai box a otto giri dalla fine:

"E 'stato pazzesco", ha dichiarato lo spagnolo. "Non avevo mai guidato una MotoGP in quelle condizioni miste, tra bagnato e asciutto. Guaradando Valentino [Rossi] con gomme da asciutto, ho pensato che fosse una buona decisione, ma poi è venuto a piovere. La nostra decisione si e rivelata completamente sbagliata. Ho dovuto montare  le rain, ma quando ho visto che non sarebbe piú venuto a piovere, ho preferito fermarmi."

Nelle otto gare finora disputate, in due occasioni Smith non ha terminato nella top ten, mentre il suo team-mate Espargaró, dopo quest’ultimo ‘zero’ è sceso al settimo posto in classifica, 9 punti dietro suo fratello maggiore Aleix (NGM Forward Racing).

Tags:
MotoGP, 2014, Bradley Smith, Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech 3

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›