Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Le dichiarazioni dei piloti sulle modifiche dell’IMS

Le dichiarazioni dei piloti sulle modifiche dell’IMS

Dopo le prime due sessioni di prove libere, il rinnovato layout e il nuovo asfalto dell’Indianapolis Motor Speedway ha riscosso consensi tra i protagonisiti della MotoGP™.

I recenti aggiornamenti al circuito di Indy hanno interessato per lo più la configurazione di alcune curve e i punti della staccata, col chiaro intento di favorire i sorpassi e quindi lo spettacolo. In particolare, le curve 3, 4, 7, 15 e 16 sono state modificate nel layout e anche la pavimentazione è stata completamente riasfaltata, andando a creare una nuova superficie uniforme.

Paragonato al precedente tracciato, il nuovo è leggermente più corto (circa 50m in meno) ma sostazialmente conserva le 16 curve, divise in 10 a sinistra e sei a destra. Alla fine della prima giornata di prove libere, il feedback dei piloti è stato molto positivo.

Il Campione del Mondo Marc Marquez (Repsol Honda) ha espresso il suo parere alla fine delle FP2, dicendo: “L’asfalto è notevolmente migliorato, anche se il grip è rimasto lo stesso. Forse per noi della Honda era meglio il vecchio tracciato; con questo nuovo layout i nostri rivali della Yamaha sono più vicini. Dovremo mettere a punto la moto alla perfezione se vogliamo lottare per la vittoria.”

Il 4volte-Campione Jorge Lorenzo ha dichiarato: “Le curve che hanno subito modifiche erano in effetti troppo lente in passato, adesso non doppiamo scalare in prima e si affrontano meglio. Mi piace questo layout. Inoltre la superficie è migliorata, adesso è priva di buche e il grip è uniforme su tutta la pista.”

Il suo compagno di squadra nel team Movistar Yamaha MotoGP, Valentino Rossi, ha commentato: “La prima impression è positive e il nuovo layout mi piace. In particolare l’asfalto, la qualità di tutta la superficie è migliorata tanto. E’ più semplice correre in moto e abbiamo anche più grip.”

Masao Azuma, Chief Engineer del Dipartimento Sviluppo di Bridgestone, ha dichiarato: “Il nuovo asfalto ha migliorato la consistenza del grip su tutta la superficie del circuito e in queste condizioni diventa più facile per I piloti sentire come stanno performando le loro gomme. Sebbene non possiamo paragonare I due diversi layout, il miglior crono di oggi è stato di ben 5 secondi inferior al record del circuito, dovuto alla perfetta interazione tra asfalto e pneumatico.”

Tags:
MotoGP, 2014, RED BULL INDIANAPOLIS GRAND PRIX

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›