Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Marquez vince a Sepang davanti alle Yamaha

Marquez vince a Sepang davanti alle Yamaha

Nel caldo torrido della Malesia, il campione del mondo MotoGP™ 2014, si impone d’autoritá conquistando la dodicesima vittoria stagionale che gli consente di eguagliare il record di Doohan. Sul podio, i due compagni di squadra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo. KO di Dani Pedrosa.

Si spengono i semafori della garea della classe regina, in fondo al lungo rettilineo i due rivali Jorge Lorenzo e Marc Marquez si ostacolano con il Campione del Mondo costretto ad allargare e a riaccodarsi in sesta posizione. La bagarre è giá nel vivo, con il maiorchino che passa al comando ai danni di Pedrosa (Repsol Honda), incalzato da Valentino Rossi (Movistar Yamaha) che a sua volta supera Andrea Dovizioso (Ducati Team).

Al secondo giro il forlivese deve subire il ritorno di Marc Marquez ma, proprio nell’ultima curva, Dani Pedrosa si stende: il pilota di Sabadell riesce a non spegnere la moto, ma è costretto a ripartire in fondo al gruppo. Contemporaneamente, un contatto tra Aleix Espargaró (NGM Forward Racing) e Alvaro Baustista (GO&FUN Honda Gresini) mette fuori causa i due spagnoli.

Le due M1 ufficiali di Lorenzo e Rossi staccano il gruppo incalzati da Marc Marquez; Dovizioso perde subito contatto, mentre il suo compagno di squadra Cal Crutchlow si rende protagonista di un’escursione sull’erba. I primi tre fanno un’altra corsa e in appena 5 tornate hanno giá scavato un solco di quasi 4". Lorenzo apre la danze, ma è il nove-volte campione a dar l’impressione di averne di piú.

Termina la gara anche per lo statunitense Nicky Hayden (Drive M7 Aspar). Un giro piú tardi iniziano le scintille fra i due team-mate Movistar: il pesarese affianca il maiorchino, che a sua volta risponde incrociando la traiettoria. Al nono giro, il Dottore non fallisce l’attacco e infila all’esterno Lorenzo; Marquez ne approfitta e salta anch’egli il connazionale portandosi in seconda posizione.

Una tornata piú tardi, esattamente a metá gara, il Campione del Mondo in carica riserva lo stesso trattamento del giro precedente a Rossi, superandolo nell’ultima curva che precede il traguardo. I due peró continuano a viaggiare appaiati in testa, mentre si stende definitivamente Dani Pedrosa quando era 13º, impegnato nella sua rimonta.

A quattro giri dalla fine, la GP14.2 di Andrea Dovizioso inizia ad accusare dei problemi tecnici: il forlivese è costretto a cedere il passo alla Honda LCR di Stefan Bradl e alle due Monster Yamaha Tech3 di Bradley Smith e Pol Espargaró, sceso in pista grazie alle infiltrazioni al piede sinistro fratturato: il pilota di Granollers agguanta stoicamente il sesto posto assoluto.

Negli ultimi giri tiene banco la lotta per la 4ª posizione tra Bradley Smith e Stefan Bradl: il tedesco mantiene la corda senza lasciar spazio all’inglese. Dopo un digiuno che durava da ben quattro gare in cui le Yamaha avevano dominato, Marc Marquez va a conquistare la sua dodicesima vittoria stagionale, stesso record centrato da Mick Doohan con la stessa squadra nel 1997. Con il podio di oggi, Valentino Rossi consolida il secondo posto in classifica incrementando il vantaggio sul suo compagno di squadra Jorge Lorenzo, terzo.

L’ordine di arrivo della classe MotoGP™ a Sepang

Le classifiche iridate Piloti & Costruttori MotoGP™ dopo 17 round

Tags:
MotoGP, 2014, SHELL ADVANCE MALAYSIAN MOTORCYCLE GP, RAC

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›