Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Pol Espargaró: 'Ho dato tutto quel che avevo'

Pol Espargaró: 'Ho dato tutto quel che avevo'

Lo spagnolo del team Monster Yamaha Tech3, dopo le fratture al piede sinistro rimediate ieri, si è sottoposto questa mattina alla fisioterapia laser prima di passare dalla Commissione Medica che l’ha dichiarato ‘fit’ per scendere in pista nel Gran Premio della Malesia.

Due antinfiammatori e poi su in sella alla sua M1 per disputare il Warm-Up di rifinitura: così è iniziata la domenica di Pol Espargaró. Svanito l’effetto, e soprattutto in previsione della gara che scattava alle 16:00 locali, il pilota di Granollers è quindi ricorso alle infiltrazioni. Anche la Dainese si è adoperata per il giovane spagnolo, provvedendo a fornirgli uno stivale adeguato, affinchè Espargaró si sentisse il piú comodo possibile:

“È stata una corsa molto dura. Ho dato tutto quel che avevo durante tutto il weekend per poter raggiungere questo risultato. Sabato, a causa della caduta, sono stato costretto a saltare le FP4 e le Q2, senza contare che le FP2 si erano disputate sul bagnato. Avevo poche informazioni sul tracciato, perchè i test invernali si erano svolti in condizioni diverse. Per questo non ero a mio agio con la moto, ma il team ha svolto un lavoro incredibile per aiutarmi, specialmente per metterla a punto per oggi”.

“Gli ultimi giri sono stati i piú difficili, sembravano interminabili: il piede iniziava a farmi molto male ma non sapevo come metterlo. Era gonfio e credevo stesse per esplodere. Mi dava fastidio soprattutto nei cambi di direzione, in cui dovevo far forza. Volevo solo tagliare il traguardo, e il sesto posto finale mi consegna anche dei punti importanti in ottica Campionato. Credo che la squadra se lo meriti per lo sforzo profuso. Ora voglio solo tornare a casa, curare la frattura e arrivare nella miglior condizione possibile all’ultima gara della stagione”.

Dopo il podio australiano, il suo compagno di squadra Bradley Smith chiude al quinto posto la penultima gara della stagione. Scattato dalla nona casella della griglia, l’inglese si è sttestato per gran parte della corsa in sesta posizione, sino a quando non ha aprofittato dei problemi tecnici che hanno interessato la Desmosedici di Dovizioso. Gli ultimi giri sono stati caratterizzati dalla bagarre contro la Honda del tedesco Stefan Bradl, che peró è riuscito a mantenere la posizione sino al traguardo:

“Il quinto posto di oggi per noi è un gran risultato, se consideriamo le nostre qualifiche e il caldo asfissiante di Sepang. La gara è stata molto impegnativa infatti, soprattutto dal punto di vista fisico. Certo mi sarebbe piaciuto passare Stefan [Bradl] e regalare ai ragazzi del mio team un’altra soddisfazione dopo Phillip Island. Ma ho provato sino alla fine. Ora torneremo in Europa con l’obiettivo di centrare il sesto posto in Campionato per l’ultima gara dell’anno.”

Tags:
MotoGP, 2014, SHELL ADVANCE MALAYSIAN MOTORCYCLE GP, Bradley Smith, Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech 3

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›