Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Honda vicina al primo titolo Costruttori della categoria cadetta dal 2001

Honda vicina al primo titolo Costruttori della categoria cadetta dal 2001

Nell’ultima gara della stagione, che si disputerà la settimana prossima a Valencia, la casa giapponese può conquistare il titolo Costruttori della classe Moto3™.

La Honda si è data un gran da fare quest’anno per tornare in auge nella categoria cadetta della Moto3: a dirlo è la classifica iridata Piloti che vede ben 3 dei suoi alfieri – Alex Marquez, Alex Rins e Efren Vazquez – nelle prime quattro posizioni assolute.

La casa dell’Ala Dorata si presenta all’ultimo appuntamento stagionale con 368 punti nella classifica iridata Costruttori, 9 lunghezze in più dei rivali austriaci della KTM.

Se I giapponesi riuscissero a chiedere in testa il Campionato, sarebbe il loro 16° titolo nella categoria cadetta, addirittura il primo dal 2001 (allora ancora 125cc). In questa classifica, troviamo al secondo posto l’Aprilia con ben 10 titoli.

Una curiosità: il primo titolo Costruttori di Honda risale al 1961, conquistato dall’unico (finora) pilota australiano a imporsi nella categoria cadetta. Quest’anno Jack Miller (Red Bull KTM Ajo), passato lo scorso inverno proprio dalla Honda alla KTM, cercherà di iscrivere il suo nome nell’albo d’oro insieme a quello del suo connazionale.

Fu lo stesso Tom Phillis inoltre a conquistare, sempre in quella stagione, anche la prima vittoria della Honda in un Gran Premio: dobbiamo tornare indietro al GP di Spagna del 1961, che si disputò al Montjuich di Barcellona.

In questo 2014, il giovane Alex Marquez (Estrella Galicia 0,0) vincendo la gara di casa al Circuit de Catalunya ha messo fine alla striscia recordi di 27 vittorie consecutive targate KTM. Al contrario del suo rivale Miller, il minore dei Marquez proprio lo scorso inverno aveva seguito la scelta del suo team di passare da una KTM a una Honda.

Tags:
Moto3, 2014, GP GENERALI DE LA COMUNITAT VALENCIANA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›