Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Alberto Puig e il suo occhio clinico

Alberto Puig e il suo occhio clinico

L’ex-pilota e manager in questo 2014 ha iniziato una nuova pagina della sua carriera. Nell’intervista a motogp.com parla del suo ruolo in seno all’HRC e del progetto della Shell Advance Asia Talent Cup.

Quest’anno Alberto Puig si è trovato ad affrontare e gestire un nuovo torneo, Shell Advance Asia Talent Cup, destinato a scoprire e promuovere nuovi talenti, assumendo di conseguenza un ruolo di consulente all'interno di HRC, oltre a recuperare la sua figura di comunicatore e collaboratore per il canale Movistar TV. Diverse sfaccettature professionali, quindi, ma con un unico comune denominatore: tutti richiedono l'occhio clinicoche effettua una precisa radiografia di quel che sta accadendo in pista.

Qual è il bilancio della prima edizione dell’Asia Talent Cup? Sei soddisfatto del risultato?

"Come tutti i campionati, il primo anno è complicato. Abbiamo trovato alcuni ragazzini abbastanza inesperti, mentre una parte di loro, i giapponesi, sono invece stati un passo avanti per tutto l'anno. E' stato un vero percorso, in cui i piloti hanno fatto un enorme passo in avanti, alcuni più di altri, naturalmente; l'esperienza ha arricchito tutti: non solo i piloti, anche noi. E' un segnale importante per il motociclismo in Asia. Questo era l'obiettivo."

Un altro obiettivo era quello di scoprire talenti di quel continente e introdurli magari verso la scena internazionale...

- "Ci sono tre piloti giapponesi [Toba, Sazaki e Date] che sono una spanna sopra. Forse non sono ancora pronti per il Mondiale, mentre li vedrei bene in un campionato alternativo, tipo Red Bull Rookies Cup o il campionato spagnolo."

Quest'anno non sei stato al box Repsol Honda con Pedrosa, ma hai collaborato con HRC svolgendo altre attività, soprattutto come consulente. Come è stata quest'esperienza?

- "Sono in Honda dal 1993, ma quest’anno mi è stato chiesto di aiutarli con il tema dei giovani piloti, seguendo l’evoluzione e iprogressi; per quel che riguarda il Campionato del Mondo, ho fatto da supervisore per un certo numero di squadre e piloti in Moto2, Moto3 e MotoGP."

Hai consigliato Efren [Vázquez], per esempio, e si dice che l'idea di prendere Jack Miller e di fargli compiere il salto in MotoGP sia stato in realtá un tuo suggerimento ...

 - "Conosco Efren dai tempi dell'Accademia, mi ha chiesto se potevo dargli una mano e l'ho fatto. Per quel che riguarda Miller: mi è stato chiesto un parere e ho fornito la mia opinione. In goni caso, è sempre Honda che decide. In generale poi, non solo nel caso di Miller, penso che se un pilota ha talento è giusto dargli un’opportunità, e quest’ultimo deve saperla sfruttare; in caso contrario, vuol dire che si è sbagliato a valutarlo."

Come commentatore per Movistar TV ti abbiamo sentito elogiare Lorenzo, Valentino ...

- " Valentino mi ha sorpreso molto. Qualche tempo fa io stesso dissi che questa stagione sarebbe stata difficile, e invece arrivato in Campionato. Ma sono felice di essermi sbagliato. Penso che sia un bene per il nostro sport che questo ragazzo si trovi ancora lì".

"Quello che mi ha colpito di più è che lui ha riacquistato velocità e aggressività. E' stato in grado di stare davanti a Lorenzo e Pedrosa, per me ha fatto qualcosa di sconvolgente, di completamente inaspettato. "

Marc Márquez invece è stato quello che ti ha sorpreso un po' meno ...

- "Da Marc c'è poco da dire, nel senso che un pilota arriva in MotoGP e al debutto vince il Mondiale... ci si puó aspettare solo che vada avanti e migliori, a meno che non accada qualcosa."

Cosa pensi della stgagione di Pedrosa? Di certo finire 4º in classifica finale non è quello che ci si aspettava da lui ...

- "Non ho seguito i dettagli, sono stato preso da altre cose nel paddock quest’anno, e parlare senza conoscere i dettagli di chi ha fatto cosa, non è  nel mio stile. Tutto quello che posso fare è limitarmi a guardare i risultati delle gare e vedere come ha finito. Ovviamente io ho la mia opinione ... ma è la mia opinione".

Tags:
MotoGP, 2014

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›