Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Marquez lascia Sepang da dominatore

Marquez lascia Sepang da dominatore

Grazie a un crono inavvicinabile per tutti, il campione del mondo in carica MotoGP™ chiude al comando il primo test del 2015.

Il primo appuntamento del 2015 si chiude nello stesso modo in cui si era conclusa la stagione precedente: nel segno di Marquez. Il 21enne di Cervèra si conferma ancora un volta l’uomo da battere, mettendo a segno un crono eccezionale di 1’58”867, inavvicinabile per tutti gli altri.

Sepang evidenzia che le Honda sono ancora un passo avanti: il secondo posto di Dani Pedrosa, autore anche di un long-run dal passo impressionante, non è un caso. Come nelle altre giornate, arriva ‘puntuale’ la conferma della Ducati: stavolta è la desmosedici del neo-ufficiale Andrea Iannone a insediarsi nella prima fila virtuale.

Subito dietro l’esercito Yamaha composto dalle due M1 ufficiali si Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, e dalla ‘sorella minore’ di Pol Espargaró, prima delle moto satellite. Alle spalle del pilota di Granollers troviamo la seconda GP14.3 di Andrea Dovizioso, ultimo dei primi a girare sul ritmo dell’1’59.

La palma di miglior Open della griglia va alla Yamaha Forward del tedesco Stefan Bradl, bravo a precedere l’inglese Bradley Smith (non al 100% della forma), mentre incoraggia vedere una Suzuki, quella di Aleix Espargaró, chiudere la Top Ten.

La GSX-RR ha mostrato dei progressi costanti nell’intera tre-giorni: il rookie Maverick Viñales ha chiuso 12º, migliorandosi di oltre 2”7. Tra le moto di Hamamatsu si inserisce la RC213V di Cal Crutchlow; a seguire le Ducati saltellite: le Pramac di Petrucci e Pirro sono intervallate dall’Avintia di Hector Barberá.

L’altra factory della Honda, quella di Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS Racing) è solo 17ª davanti alle Open dei compagni di marca tra le quali figura in 20ª posizione quella dell’altro esordiente Jack Miller. Alle spalle dell’australiano, la prima Aprilia è di Alvaro Bautista, mentre il suo compagno Marco Melandri chiude ultimo con tanto lavoro da fare.

Tags:
MotoGP, 2015, SEPANG MOTOGP™ OFFICIAL TEST, Marc Marquez, Repsol Honda Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›