Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

L’Italia brilla nella notte di Doha

L’Italia brilla nella notte di Doha

Podio interamente Made-in-Italy nella prima gara della stagione MotoGP™ 2015.

Il tricolore sventola alto sul podio del Losail International Circuit a conclusione della gara inaugurale della stagione 2015 che ha consegnato agli appassionati di tutto il mondo spettacolo, sorpassi e colpi di scena.

Soprattutto, qui in Qatar il motociclismo italiano è tornato a brillare nella classe regina, grazie all’affermazione di Valentino Rossi e alle straordinarie prestazioni delle Ducati di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone.

Il nove-volte iridato ha centrato la vittoria n° 109 nella gara inaugurale di quella che apre la sua ventesima partecipazione al Campionato del Mondo. Il pesarese della Movistar Yamaha ha saputo recuperare da una partenza non impeccabile, raggiungendo presto il terzetto di testa. A suon di giri veloci, si è fatto strada tra gli avversari, fino al duello finale che l’ha visto protagonista con Andrea Dovizioso.

Tanto il forlivese, quanto il suo compagno di squadra Andrea Iannone, hanno mostrato tutto il potenziale della GP15, prima Ducati interamente firmata dall’ing. Gigi Dall’Igna, capace di tener il passo dei top rider anche sulla distanza, e non solo sul giro secco grazie ai vantaggi offerti dalla gomma extra-soft.

A trarre giovamento dal ritorno della Ducati è tutto il circus del Mondiale, con l’estendersi della lotta a ben sei protagonisti, non limitata come nelle ultime stagioni ai soli “Fantastici 4”.

Jorge Lorenzo accantona i problemi di grip e set-up incontrati nelle prove e si trasforma nell’ “animale-da-gara” che conosciamo, guidando in maniera superlativa ma nulla potendo quest’oggi contro i primi tre. Deve recitare “mea culpa” il campione del mondo Marc Marquez, fuori causa alla prima curva e costretto a una proibitiva rimonta dall’ultima posizione. Il talento di Cervera ci ha abituati anche a queste ‘imprese’ nel suo repertorio ma, come per Lorenzo, il ritmo degli italiani stasera era davvero molto alto.

Le Suzuki di Aleix Espargarò e Maverick Viñales mancano l’appuntamento con la Top Ten ma hanno mostrato, sia negli ultimi test che nei giorni scorsi, di aver imboccato la direzione giusta. In 15ª posizione lo spagnolo Hector Barberà (Avintia Racing) vince la battaglia della categoria ‘Open’ precedendo il tedesco Stefan Bradl (Athinà Forward Racing) e conquistando l’ultimo punto iridato a disposizione.

In casa Aprilia, la RS-GP di Marco Melandri conclude ancora alle spalle della ART del sanmarinese Alex de Angelis (Octo IodaRacing), mentre il suo compagno di squadra nel team factory Alvaro Bautista, è stato costretto a tornare ai box nel primo giro dopo un contatto con Marquez, impegnato nella sua rimonta.

Le classifiche Piloti e Costruttori

L’ordine di arrivo della classe MotoGP™ a Losail

Tags:
MotoGP, 2015, COMMERCIAL BANK GRAND PRIX OF QATAR, RAC, Valentino Rossi, Andrea Iannone, Andrea Dovizioso, Movistar Yamaha MotoGP, Ducati Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

motogp.com

2 anni fa

Sky: MotoGP da record