Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Kent vince e diventa leader della Moto3™

Kent vince e diventa leader della Moto3™

Un weekend da incorniciare per il 21enne inglese che, grazie alla prima vittoria stagionale, si porta in testa alla classifica iridata.

Danny Kent (Leopard Racing) lascia il Texas da leader della categoria cadetta Moto3™. Un dominio già evidenziato sin dalla prima giornata di prove libere e poi confermato con la pole position di ieri. In gara quest’oggi il 21enne di Chippenham si è involato dalle prime battute, lasciando agli avversari solo le briciole e tagliando il traguardo con 8 secondi e mezzo di vantaggio. Per Kent si tratta della terza vittoria in carriera che, dopo il terzo posto della gara inaugurale del Qatar, lo proietta in vetta alla classifica iridata.

Il suo compagno di squadra, Efren Vazquez, si piazza terzo consolidando la leadership della struttura di Stefan Kiefer. Dopo aver sfiorato il podio due settimane fa a Losail con un discreto quarto posto, il risultato odierno è ancor più straordinario se si considera che il pilota basco è stato costretto a saltarsi buona parte dei test invernali per infortunio e che questo secondo round è in realtà per lui una delle primissime uscite.

Alla sua seconda gara nel Campionato del mondo Moto3™, il rookie Fabio Quartararo (Estrella Galicia 0,0) conquista uno straordinario secondo posto ottenuto lottando col coltello fra i denti. Il campione uscente del FIM CEV Repsol diviene pertanto il sesto pilota più giovane della storia delle corse a salire sul podio, guadagnando su un circuito impegnativo 20 meritatissimi punti, come il numero che porta in carena.

Sempre più protagonista della categoria cadetta è Enea Bastianini (Gresini Racing Moto3): il 17enne di Rimini, dopo esser scattato dall’ottava casella della griglia, ha saputo ben approfittare degli episodi che hanno caratterizzato la corsa per ricongiungersi al gruppo degli inseguitori e lottare a viso aperto sino alla bandiera a scacchi. Il suo quarto posto odierno gli consente comunque di conservare la seconda posizione nella classifica iridata.

C’è invece del rammarico per il suo team-mate Andrea Locatelli. Il 18enne bergamasco, che ieri aveva ottenuto una straordinaria prima fila e che nella prima parte di gara si stava facendo valere contro avversari ben più esperti, a metà si è ritrovato costretto ad allargare la traiettoria per evitare di centrare il portoghese Miguel Oliveira (Red Bull KTM Ajo). Riaccodatosi ai margini della Top Ten, il pilota di Gresini è poi riuscito a risalire sino alla 7ª posizione, vincendo il duello tutto italiano con Romano Fenati (Sky Racing VR 46).

Il pilota ascolano, dopo le non felici qualifiche del sabato che l’avevano relegato alla 19ª casella dello schieramento, in gara ha acceso la spia rendendosi autore di una straordinaria rimonta di ben 11 posizioni. Identica brillante progressione compiuta dal suo compagno di squadra Andrea Migno, che oggi ha conquistato i suoi primi punti iridati.

Il sudafricano Brad Binder salva l’onore della KTM entrando nella Top Five: decisamente troppo poco per la casa di Mattighofen, ma è vero anche che oggi le cadute hanno giocato un ruolo importante. Oltre al già citato Oliveira, non hanno potuto portare a termine la gara anche gli italiani Niccolò Antonelli (Ongetta-Rivacold) e Pecco Bagnaia (Mapfre Mahindra).

Tra sette giorni esatti, al Termas de Rio Hondo (Argentina), andrà in scena il terzo round della stagione 2015.

Le classifiche Piloti e Costruttori

L’ordine di arrivo della classe Moto3™ ad Austin

Tags:
Moto3, 2015, RED BULL GRAND PRIX OF THE AMERICAS, RAC, Efren Vazquez, Fabio Quartararo, Danny Kent

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›