Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La ‘prima’ di Super-Sam

La ‘prima’ di Super-Sam

Il 24enne di Lincoln centra la prima vittoria nel Campionato del Mondo portando a Austin la sua Speed Up sul gradino più alto del podio.

Ci era andato molto vicino, in Qatar. E al secondo appuntamento, Sam Lowes (Speed Up Racing) non si è fatto distrarre dall’obiettivo, centrando la sua prima vittoria nella classe intermedia Moto2™. L’ex-Campione Supersport inseguiva questo traguardo sin dal suo ingresso nel circus iridato, ma è stato dagli ultimi test pre-season che il suo sogno aveva iniziato a prender forma. Già a Losail, Super-Sam aveva sbalordito tutti con la pole position.

Come lui stesso ha avuto modo di imparare a sue spese, la gara è un’altra cosa. Per questo, con intelligenza e tenacia, memore delle cadute e delle scivolate collezionate nel corso delle tre sessioni di libere, il pilota inglese ha saputo gestirsi e attendere il momento propizio per sferrare l’attacco a Zarco e andare in fuga. Soprattutto, la sua vittoria conferma la competitività del telaio Speed Up e della struttura di Luca Boscoscuro.

In piazza d’onore il francese Johann Zarco (Ajo Motorsport) che ancora una volta si è mostrato un gran combattente, anche nel corpo-a-corpo, nel duello in cui Xavier Simeon (Federal Oil Gresini) ha avuto la peggio, perdendo il controllo della sua Kalex alla Curva8 a quattro tornate dal termine. Un vero peccato per il pilota belga che, dopo l’eccezionale pole position conseguita ieri, avrebbe potuto dire la sua sino alla linea del traguardo.

L’anno scorso il Gran Premio delle Americhe della Moto2™ fu vinto dal rookie Maverick Viñales (quest’anno salito nella classe regina con i colori della Suzuki Ecstar). Ma il suo successore non lo sta di certo facendo rimpiangere: Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40) dopo aver sfiorato il podio nella gara inaugurale in Qatar, ha conquistato un brillante terzo posto assoluto, che lo proietta in vetta alla classifica iridata della classe intermedia, con 1 punto di vantaggio sul francese Zarco.

Soltanto 4º Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0). Il campione del mondo in carica, dopo un ottimo avvio allo start, si è visto costretto a subire il ritorno degli avversari, uscendo però vincitore nella bagarre con Franco Morbidelli (Italtrans Racing). Il ventenne romano, bissa il quinto posto di due settimane fa a Losail e si conferma nella Top Five della classifica piloti.

Tra le sorprese della giornata dobbiamo segnalare Hafizh Syahrin (Petronas Raceline Malaysia) sesto assoluto davanti alle Speed Up dei compagni di squadra Anthony West e Julian Simon (QMMF Racing): nella loro morsa, in ottava posizione, si piazza il vice-campione uscente, Mika Kallio, che almeno in gara sembra aver imboccato la direzione giusta.

Fuori dalla Top Ten, chiusa dal giapponese Takaaki Nakagami (IDEMITSU Honda Asia) troviamo il romano Simone Corsi (Athinà Forward Racing), mentre il suo team-mate Lorenzo Baldassarri, vittima di una scivolata, ha poi chiuso in penultima posizione. Non c’è tempo di fermarsi a pensare, che già bisogna ripartire: tra sette giorni si corre il GP d’Argentina!

Le classifiche Piloti e Costruttori

L’ordine di arrivo della classe Moto2™ a Austin

Tags:
Moto2, 2015, RED BULL GRAND PRIX OF THE AMERICAS, RAC, Alex Rins, Johann Zarco, Sam Lowes

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›