Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo è tornato ‘Magnifico’

Lorenzo è tornato ‘Magnifico’

Da quando è sceso in pista a Jerez, il maiorchino non ha lasciato nulla agli avversari. Senza farsi mancare il nuovo record del circuito...

Magnifico! È questo l’aggettivo che più si addice a Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP), signore indiscusso del tracciato di Jerez. Un weekend che si sta rivelando incredibilmente positivo, dal punto di vista umano e professionale, iniziato con il riconoscimento della sua stella sulla Walk of Fame e proseguito con la conferma di Lin Jarvis nel team ufficiale Yamaha.

Tutto questo ha avuto il suo risvolto in pista, sulla quale il maiorchino ha pensato di festeggiare regalando, al suo team e ai suoi tanti tifosi accorsi a Jerez, una serie di prestazioni che sono culminate nella pole position di questo pomeriggio. Non solo un ‘buon’ crono, bensì ‘il’ crono record: 1’37”910, il più rapido mai registrato da una moto sul tracciato andaluso.

Piazza d’onore per Marc Marquez (Repsol Honda). Il campione del mondo in carica, nonostante la frattura al dito occorsagli la settimana scorsa, centra l’obiettivo della prima fila guidando senza antidolorifici, che con molta probabilità utilizzerà domani per esser sicuro di poter concludere la gara.

Anche Andrea Iannone (Ducati Team) sembra averci preso gusto. Come due settimane fa in Argentina, anche su una pista difficile quale Jerez, il pilota di Vasto conferma i progressi della Desmosedici GP15, con la quale ha mostrato un ottimo passo che domani dovrà cercare di replicare in gara per potersela giocare con i migliori.

Pol Espargarò (Monster Yamaha Tech3) apre la seconda fila e si qualifica come il miglior pilota satellite del lotto davanti alla M1 ufficiale di Valentino Rossi. Il leader della classifica iridata non riesce ad essere incisivo negli ultimi due curvoni veloci e chiude quinto, a oltre 7 decimi dal poleman suo compagno di squadra.

Appena sei millesimi dietro il pesarese, troviamo Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR): il pilota di Granollers porta la sua GSX-RR in sesta posizione, pagando il prezzo della mancanza di potenza di oltre 10 km/h rispetto alle altre moto factory.

Dopo esser gravitato sempre nei ‘piani alti’ della graduatoria dei tempi nei turni di libere, l’inglese Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) non è riuscito a sfruttare tutto il suo potenziale, ritrovandosi relegato in terza fila. Al suo fianco, poco soddisfacente la giornata anche per l’altro ducatista Andrea Dovizioso, che domani mattina proverà delle diverse soluzioni nel Warm-Up.

Il gap inizia a esser importante per il nono posto, conquistato da Yonny Hernandez (Pramac Racing). Il colombiano ha comunque evidenziato una gran performance, rendendosi protagonista, insieme al suo compagno di squadra Danilo Petrucci, della ‘cesoia’ delle Q1, nelle quali invece si è perso Maverick Viñales.

Il rookie è stato preceduto da Hector Barberà (Avintia Racing), ancora una volta prima 'Open' della griglia, e seguito dall'altro suo connazionale Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini), 15º a sorpresa mentre il suo compagno di squadra, Marco Melandri, ha chiuso in ultima posizione. 

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:40 per il Warm Up, mentre alle 14:00 scatterà la quarta gara della stagione 2015 del Campionato del Mondo MotoGP™.

La griglia di partenza della classe MotoGP™ a Jerez

Tags:
MotoGP, 2015, GRAN PREMIO bwin DE ESPAÑA, Q2, Andrea Iannone, Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Repsol Honda Team, Movistar Yamaha MotoGP, Ducati Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

motogp.com
Manzi tampona Oliveira

2 anni fa

Manzi tampona Oliveira