Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Secondo acuto di Jonas Folger

Secondo acuto di Jonas Folger

Visibilmente emozionato sul gradino più alto del podio di Jerez, il tedesco centra la sua seconda vittoria della stagione.

Ce l’ha fatta! Alla sua seconda stagione nella classe intermedia Moto2™, Jonas Folger (AGR Team) si è ritagliato uno spazio importante tra i Top Rider della categoria. Due vittorie in quattro gare il bottino del tedesco che, grazie al successo odierno, presenta prepotentemente la sua candidatura al titolo mondiale, mettendosi alle spalle del leader Johann Zarco nella classifica iridata.

Il francese ha corso una gara straordinaria, condotta con determinazione e intelligenza: due caratteristiche che non devono mancare mai a chi, come lui, ha il Campionato come obiettivo. Una corsa iniziata in salita, a causa delle qualifiche disastrose che l’avevano relegato alla nona posizione in griglia. Ma a suon di giri veloci Johann Zarco (Ajo Motorsport) ha saputo colmare il gap con il poker di testa, scavalcando Luthi nelle fasi finali e approfittando del contatto all’ultima curva tra Rins e Rabat, per infilare il campione del mondo sul rettilineo del traguardo.

Buona gara anche per Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS), che riesce per la prima volta in stagione a finire sul podio. Partito bene allo start, a metà gara ha commesso solo un piccolo errore andando largo in curva, favorendo Folger nel sorpasso decisivo. Incolpevole nell’ultimo episodio alla famigerata Curva 13, il campione del mondo se l’è vista brutta e può dirsi soddisfatto di aver messo in cassaforte dei punti preziosi per il Campionato.

Deve invece recitare il ‘mea culpa’ Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40). Per la prima volta in questa sua stagione d’esordio nella classe intermedia Moto2™, il rookie paga l’eccesso di foga, rovinando una prestazione che, a pochi metri dal traguardo, gli avrebbe assicurato un altro podio. Bravo a difendere la posizione dagli attacchi di Zarco, Rins non si è saputo accontentare della terza piazza, provando a infilare Rabat dove era impossibile. Rialzatosi dopo la botta e con la sua Kalex ancora accesa, ha tagliato il traguardo fuori dalla zona punti.

Ancora un’ottima prestazione per Franco Morbidelli (Italtrans Racing) che, dopo tre quinti posti consecutivi, a Jerez chiude in 6ª posizione assoluta, confermandosi nuovamente quale migliore realtà del motociclismo italiano della classe intermedia. Anche l’altro romano, Simone Corsi (Athinà Forward Racing) si riaffaccia nella Top Ten mostrando segnali di miglioramento e un buon passo gara, che gli ha consentito di precedere Alex Marquez (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS).

Ritiri per Pons, Cardus e Cortese. Anche il vice-Campione Mika Kallio, che l’anno scorso ottenne qui pole e vittoria, non è riuscito a concludere la gara. Ironia della sorte, in classifica il finlandese è a soli 2 punti dall’ex-compagno di squatra Tito Rabat.

Mentre i primi tre round del calendario 2015 avevano rimescolato le carte per quanto riguarda i telai, a Jerez non c’è stata storia: le Kalex hanno dominato in lungo e in largo; dobbiamo scendere sino alla decima posizione per trovare una moto diversa, nella fattispecie rappresentata dalla Tech3 di Marcel Schrotter. Dopo l’exploit di inizio stagione, le Speed Up hanno naufragato sul tracciato andaluso, con il vincitore del Texas, Sam Lowes, in 20ª posizione.

Le classifiche Piloti e Costruttori

L’ordine di arrivo della classe Moto2™ a Jerez

Tags:
Moto2, 2015, GRAN PREMIO bwin DE ESPAÑA, RAC, Jonas Folger, Johann Zarco, Tito Rabat, EG 0,0 Marc VDS, AGR Team, Ajo Motorsport

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›