Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Valentino, 51ª pole nella classe regina

Valentino, 51ª pole nella classe regina

Continua lo straordinario momento di forma del nove-volte iridato.

Venti primavere e non sentirle. Tante sono le stagioni vissute dal 36enne di Tavullia nel circus del Campionato del Mondo MotoGP™. Oggi il leader del mondiale ha regalato agli appassionati un’altra indimenticabile perla, con una pole position straordinaria strappata sotto la bandiera a scacchi.

Il TT di Assen è da sempre uno dei suoi tracciati preferiti e il pesarese non poteva scegliere un circuito migliore per mostrare ai rivali il suo stato di forma e la determinazione a conservare la leadership della classifica iridata.

Per il Dottore si tratta della sua pole numero 51 nella classe regina (la 61ª della carriera, la prima del 2015); soprattutto Rossi ha messo a tacere alla sua maniera, ovvero stabilendo il nuovo record della pista olandese, le critiche ricevute per le difficoltà incontrate con questo sistema di qualifiche-sprint in vigore.

Rossi a parte, la giornata celebra anche un altro eroe: Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR). Dopo la pole sul circuito di casa due settimane or sono, il pilota di Granollers si conferma in prima fila con la sua GSX-RR. Anzi, dopo esser passato dalla “cesoia” delle Q1, superate a pieni voti insieme a Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing), il maggiore dei fratelli Espargarò ha sfiorato persino l’impresa: alla fine si è dovuto inchinare a Valentino, ma la sua perfomance resta da applausi.

Chi invece in prima fila si rivede, dopo due round di assenza, è Marc Marquez (Repsol Honda). Il campione del mondo in carica è apparso aggressivo e determinato a lasciarsi alle spalle gli ultimi passi falsi che l’hanno posto in una condizione di classifica alquanto pericolosa nella sua personale difesa per il titolo iridato.

La crescita della RC213V è sottolineata anche dal quarto posto del suo compagno di squadra, Dani Pedrosa, ieri leader della graduatoria e ormai felicemente ristabilito dai problemi fisici accusati a inizio stagione. Chi invece oggi è mancato all’appello, è stato Jorge Lorenzo. Il maiorchino, reduce da un poker di 4 vittorie consecutive, in realtà non è mai veramente entrato in bagarre e per lui domani si prospetta una gara tutta in salita.

Non hanno brillato le moto della casa di Borgo Panigale. Andrea Iannone (Ducati Team) chiude la seconda fila con il sesto crono assoluto a quasi 4 decimi da Rossi, ma davanti all’inglese Cal Crutchlow (CWM LCR Honda), miglior pilota satellite della giornata; il suo connazionale e diretto rivale Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) ha chiuso infatti in 12ª posizione, dietro alle Desmosedici di Andrea Dovizioso e del già citato Petrucci.

Sul fronte delle Open, la palma del miglior della categoria va al tedesco Stefan Bradl (Athinà Forward Racing), 13º, che si toglie la soddisfazione di tenersi dietro la Ducati di Yonny Hernandez e il suo compagno di squadra Loris Baz.

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:40 per il Warm Up, mentre alle 14:00 scatterà l’ottava gara della stagione 2015 del Campionato del Mondo MotoGP™.

La griglia di partenza della classe MotoGP™ al TT di Assen

Tags:
MotoGP, 2015, MOTUL TT ASSEN, Q2, Aleix Espargaro, Valentino Rossi, Marc Marquez, Movistar Yamaha MotoGP, Repsol Honda Team, Team SUZUKI ECSTAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›