Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

La “prima volta” di Simeon

La “prima volta” di Simeon

Alla sua quinta stagione da pilota titolare, il belga centra al Sachsenring la sua prima vittoria in carriera.

Ci sono volute ben 86 partenze nel Campionato del Mondo Moto2™, ma finalmente quest’oggi Xavier Simeon (Federal Oil Gresini) è salito sul gradino più alto del podio. Profetiche le sue stesse parole di ieri sera nel dopo-qualifiche, in cui senza mezzi termini aveva affermato di voler puntare al podio.

Scattato bene allo spegnimento dei semafori, il 25enne di Bruxelles ha condotto la gara con intelligenza: prima seguendo gli apripista Zarco e Mordidelli, quindi, approfittando del calo del romano, per mettersi negli scarichi del francese. E attendendo il momento buono, battezzato a 4 giri dalla fine, per balzare al comando e andar a tagliar per primo il traguardo.

Piazza d’onore per Johann Zarco (Ajo Motorsport) autore comunque di una gara eccellente e sempre al top. Nel finale ha subito il ritorno del belga (così affamato per quella vittoria che ormai vedeva alla sua portata), ma può dirsi ugualmente soddisfatto visto l’esito finale dell’ultima curva in cui è rimasto coinvolto il suo diretto rivale in classifica, Tito Rabat (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS).

Il campione del mondo è stato incolpevolmente abbattuto dalla Kalex di Franco Morbidelli (Italtrans Racing) che, fino a quei fatali ultimi metri aveva disputato la sua miglior corsa di sempre, che l’aveva visto anche a tratti in testa e che sembrava ormai dirigersi verso il primo meritato podio. Invece il romano ha perso l’anteriore proprio nella tornata in salita che immette sul rettilineo del traguardo, dicendo addio ai suoi sogni di gloria e dando al contempo un brutto colpo alle speranze iridate di riconferma del catalano.

Tra i due litiganti, il terzo gode: Alex Rins (Paginas Amarillas HP 40) torna sul podio per la quarta volta in stagione, confermandosi quale miglior esordiente della classe intermedia e accorciando le distanze in classifica dal terzo posto occupato da Sam Lowes (Speed Up Racing). Oggi l’inglese ha chiuso nella Top Five tenendo a bada le Kalex dello svizzero Tom Luthi (Derendinger Racing Interwetten) e del giapponese Takaaki Nakagami (IDEMITSTU Honda Asia).

Non deve passare inosservato il 4º posto assoluto di Simone Corsi (Athinà Forward Racing), alla sua presenza numero 200 nel circus del Campionato del Mondo. Scattato dalla quinta casella dello schieramento, il 28enne romano ha guadagnato una posizione portando a casa quella che è il suo miglior risultato del 2015 e che lascia ben sperare per la seconda parte della stagione.

Un plauso merita anche il suo giovane compagno di squadra, Lorenzo Baldassarri, autore di una bella rimonta dalla sesta fila all’8º posto finale: con tale piazzamento, il marchigiano eguaglia il suo miglior risultato stagionale per quello che il suo quinto arrivo (su 9 appuntamenti) nella Top Ten.

Le classifiche Piloti & Costruttori

Tags:
Moto2, 2015, GoPro MOTORRAD GRAND PRIX DEUTSCHLAND, RAC, Xavier Simeon, Alex Rins, Johann Zarco, Paginas Amarillas HP 40, Federal Oil Gresini Moto2, Ajo Motorsport

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›