Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Petrucci: "Sto vivendo un sogno"

Petrucci: 'Sto vivendo un sogno'

Sarà Danilo Petrucci il pilota italiano a vedere più da vicino la leggendaria “Brickyard” sulla starting grid di Indianapolis.

Il sabato in terra americana del team Octo Pramac Racing ri può riassumere con il sensazionale exploit del pilota di Terni nelle qualifiche della decima tappa del calendario MotoGP 2015.

Petrux ha iniziato la sua giornata con qualche difficoltà riuscendo a limare nelle FP3 solo un paio di decimi dal suo miglior tempo del venerdì. Ma già durante la FP4 le sue prestazioni sono andate in crescendo e sono “esplose” in una Q1 clamorosa in cui è bastato un primo giro da sogno per chiudere in testa con oltre due decimi di vantaggio su Dovizioso. Nella Q2 un altro capolavoro con un time attack (1'32"243) che gli è valso il quinto posto (miglior piazzamento in carriera in qualifica) a soli 57 millesimi dalla prima fila.

"Davvero sono il primo italiano? Non ci avevo pensato. E’ bellissimo. Fino all’inizio delle Q1 era solo un sogno. Non mi vengono tante parole. Dico solo che questa moto ha un grande potenziale. Ma va trovato, va messa a posto. E’ difficile farlo ma Daniele ed i ragazzi sono stati fantastici. Abbiamo mancato la prima fila di pochi millesimi ma non voglio pensare a questo perché fino a stamattina non ci aspettavamo neppure di rientrare in Q2.

Il passo gara non è certo da 5° posto ma adesso voglio solo godermi questa grande soddisfazione. Spero domani di partire bene perché potrebbe aiutarmi molto a rimanere davanti per qualche giro in più. Sono molto contento perché essere il primo pilota di Ducati in griglia ad Indianapolis è bellissimo. Vorrei esserlo anche domani al traguardo ma credo che sarà quasi impossibile. Intanto però ringrazio tutto il team per questa giornata da ricordare."

Tags:
MotoGP, 2015, RED BULL INDIANAPOLIS GRAND PRIX, Q2, Danilo Petrucci, Octo Pramac Racing

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›