Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi espugna Silverstone

Rossi espugna Silverstone

Il nove-volte iridato trionfa sulla pista dove non aveva mai vinto prima e si riporta da solo in testa al Mondiale.

Il tricolore sventola alto sul podio di Silverstone, al termine di una gara incredibile sotto diversi aspetti, che sembra aver impresso un segnale forte (e forse decisivo) a questa stagione. Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) si aggiudica l’Octo British Grand Prix 2015, trionfando in condizioni proibitive su un tracciato sul quale non aveva mai vinto prima. Scattato dalla seconda fila, al terzo giro il pesarese infila il suo compagno di squadra e diretto rivale in classifica, portandosi alla testa della corsa per non abbandonarla più fino alla bandiera a scacchi.

Ma non si è trattata di una cavalcata in solitaria per il Dottore e, proprio per questo, la sua vittoria assume ancor più rilevanza. Il pesarese della Yamaha, prima si è dovuto guardare dagli attacchi di Marc Marquez (Repsol Honda) che lo seguiva come un’ombra girando sui suoi stessi identici tempi; poi, dopo l’highside che a 8 tornate dal termine ha scaraventato a terra il campione del mondo in carica, ha saputo amministrare il vantaggio dal ritorno della coppia Ducati.

Rossi cala dunque il poker sul tavolo della stagione 2015, con la sua quarta vittoria (l’’86ª della classe regina) che lo proietta nuovamente in solitaria in vetta alla classifica iridata verso la rincorsa al suo 10º titolo mondiale, con 12 lunghezze su Jorge Lorenzo.

Impresa straordinaria di Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing), vincitore morale di Gran Premio di Inghilterra. Il pilota di Terni, scattato dalla 18ª casella della griglia di partenza, si conferma “mago della pioggia”, vista la sua nota sensibilità sull’asfalto bagnato, rendendosi autore di un’incredibile rimonta sotto il diluvio di Silverstone. Posizione su posizione, Petrux si mette dietro le rivali moto satellite, arrivando a prendere le ufficiali dei campioni Pedrosa e Lorenzo.

Scortato dal suo compagno di marca Andrea Dovizioso (Ducati Team), ma in sella alla inferiore GP14, Petrucci supera gli avversari con dei sorpassi decisi e, non domo, prova persino ad andare a prendere Rossi. Il ternano, senza alcun timore,  riduce il gap dal leader dal 7” a 1”5, ma negli ultimi metri si accontenta della posizione che rappresenta il suo primo podio in carriera. 20 punti pesantissimi che gli consentono di scavalcare in classifica Pol Espargarò e Cal Crutchlow, ponendosi all’ottavo posto assoluto.

Come nella gara inaugurale della stagione in Qatar, il podio si tinge dei colori della bandiera italiana, grazie ad Andrea Dovizioso. Seppur sul gradino più basso, il forlivese riabbraccia il podio dopo un digiuno lungo ben sette round (3º posto nel GP di Le Mans), scacciando vie sfortune e intoppi che avevano rallentato la sua corsa in classifica. Per effetto di questa terza piazza odierna, Desmo-Dovi scavalca Bradley Smith al quinto posto assoluto, subito dietro il compagno di squadra Andrea Iannone.

Gli spagnoli incassano. Il primo ad accusare il colpo è Marc Marquez (Repsol Honda). Il talento di Cervèra, che insieme a Rossi aveva ben presto preso il largo,  stava dando l’impressione di studiare il pesarese per tentare l’attacco nelle fasi finali. Invece, inaspettatamente, il 22enne campione in carica è stato tradito dalla sua RC213V che, alla fine del rettilineo lo ha sbalzato facendo ponendo fine non solo alla sua corsa, ma alle sue speranze iridate di riconferma: 77 punti dal Dottore sono un gap troppo grande da colmare, persino per lui, quando mancano ormai solo 6 gare al termine del Campionato.

Discorso diverso invece per il suo connazionale Jorge Lorenzo. Il maiorchino, protagonista insieme a Marquez delle libere e delle qualifiche dei giorni precedenti, si dissolve sotto la pioggia inglese, incapace di tenere il ritmo dei due fuggitivi. Un’impennata di orgoglio nel finale e un sbavatura di Dovizioso gli riaccendono la spia del podio, che però sfuma dietro la potenza del propulsore di Borgo Panigale. A 12 punti dalla vetta, Por Fuera è l’unico ostacolo di Rossi per la conquista del titolo.

Fuori dalla Top 5 i padroni di casa: Scott Redding (fresco di accordo con il team Pramac nella prossima stagione) e Bradley Smith precedono l’altra GP15 di Andrea Iannone, in difficoltà per tutta la durata della gara e a sua volta davanti a un trio spagnolo composto dalle GSX-RR di Aleix Espargarò e Maverick Viñales (SUZUKI ECSTAR) e dalla RS-GP di Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini). Con il suo compagno di squadra Stefan Bradl scivolato a 8 giri dalla fine, Batigas regala alla casa di Noale un prestigioso arrivo nella Top 10.

Alle spalle del rookie della Suzuki, per la seconda volta in questa stagione la miglior Open al traguardo è quella dello statunitense Nicky Hayden (Aspar MotoGP Team), bravo a tenersi dietro le Desmosedici dei team-mate Hector Barberà e Mike Di Meglio (Avintia Racing). Festeggia anche il sanmarinese Alex De Angelis (E-Motion IodaRacing), ultimo pilota a rientrare in zona punti.

Tra i ritiri, il più clamoroso è stato quello che ha coinvolto i due compagni di squadra del team LCR Honda: mentre erano in bagarre per la quinta piazza provvisoria nelle prime fasi della corsa, Jack Miller è arrivato lungo in frenata abbattendo l’incolpevole Cal Crutchlow. Gara immediatamente finita per il rookie (che gli è poi costato anche 1 punto di penalità dalla Race Direction), mentre l’inglese era riuscito persino a recuperare la via dei box per un disperato cambio di moto prima di stendersi nuovamente davanti al pubblico di casa. Il Campionato del Mondo MotoGP™ si sposta ora in Italia, in casa di Valentino e delle Ducati: tra due settimane, sul Misano World Circuit “Marco Simoncelli”, andrà in scena la tredicesima gara della stagione 2015.

Le classifiche Piloti & Costruttori

L’ordine di arrivo della classe MotoGP™ a Silverstone

Tags:
MotoGP, 2015, OCTO BRITISH GRAND PRIX, RAC, Valentino Rossi, Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci, Ducati Team, Octo Pramac Racing, Movistar Yamaha MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

motogp.com
Brad Pitt al #BritishGP

1 anno fa

Brad Pitt al #BritishGP