Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Chi fermerà Lorenzo?

Chi fermerà Lorenzo?

Il maiorchino detta legge al Misano World Circuit. Sarà un’ardua impresa per Valentino contenerlo in gara…

Imprendibile. Un missile terra-aria che ha sgretolato il record della pole position precedente (anche in virtù del nuovo asfalto del tracciato), confermando il suo stato di forma e il suo feeling con la pista. Jorge Lorenzo (Movistar Yamaha MotoGP) centra la sua terza pole stagione dopo quelle di Jerez e di Brno, la seconda consecutiva sul Misano World Circuit ‘Marco Simoncelli’.

Eccezion fatta per le FP1 del venerdì mattina, in cui si era piazzato secondo alle spalle di Marquez per soli 94 millesimi, il maiorchino ha dominato in ogni sessione successiva, persino nelle FP4 che non avevano valore in termini di griglia. Un passo costante e veloce, Por Fuera sembra già aver acceso la modalità ‘martillo’ con un unico obiettivo: vincere e andare a prendere il suo team-mate Valentino Rossi in testa alla classifica. Un’altra volta.

Per il terzo anno consecutivo il Dottore scatterà a Misano dalla prima fila. Il nove-volte iridato ha vissuto un sabato straordinario, dando ai tifosi accorsi degli incoraggianti segnali di ripresa rispetto alla prima giornata. Spinto dal calore degli amici e dei familiari, il pesarese si è portato lì davanti a soli 2 decimi dal team-mate, per controllarlo e non lasciarlo scappare in gara. Il trovarsi in traiettoria nell'ultimo tentativo lanciato del maiorchino in qualifica gli è costato 1 punto di penalizzazione.

Tra i due litiganti, c’è Marc Marquez (Repsol Honda)! Attenzione a non sottovalutare il talento di Cervèra che domani potrebbe sorprendere tutti e giocare un brutto tiro ai due contendenti in Campionato. Per nulla intenzionato a recitare il ruolo del mero spettatore, il campione del mondo in carica ha tutte le carte in regola per imporsi su uno di quei tracciati sui quali non ha ancora mai trionfato.

Quarto incomodo, il suo compagno di squadra Dani Pedrosa. Seppur sia gravitato costantemente ai piani alti in queste giornate, il veterano di Sabadell non ha mai però dato l’impressione di potersi inserire nella battaglia per la vittoria. La sorpresa della giornata arriva dalla Ducati, ma non dai piloti ufficiali: Michele Pirro chiude infatti le Q2 al quinto posto assoluto.

È già la seconda volta che accade quest’anno (fu 6º in griglia al Mugello lo scorso maggio), segno che il centauro pugliese ha della stoffa e che sa far ‘ballare’ la Desmosedici nelle sue mani. Per 65 millesimi, il tester si è tenuto dietro anche la M1 di Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3), ancora una volta primo pilota satellite dello schieramento.

Terza fila completamente ‘Made in Borgo Panigale’: le GP15 di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone (Ducati Team) sono seguite dalla GP14.2 di Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing). Il pilota di Vasto ha sofferto stamane di noie al propulsore, mentre il ternano, galvanizzato dal podio di Silverstone, si è ben comportato rientrando di diritto in Q2 senza passare dalla pericolosa cesoia del primo turno di qualifiche.

Le tre Desmosedici hanno fatto registrare le velocità di punta più elevate e sono anche le ultime moto dello schieramento a rientrare nel margine di 1” da Lorenzo. In quarta fila la GSX-RR di Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR) si tiene dietro le due RC213V degli inglesi Cal Crutchlow (LCR Honda) e la M1 di suo fratello minore Pol, a terra senza conseguenze.

In chiave Open la palma del migliore se l’aggiudica Loris Baz (Forward Racing); il francese apre la sesta fila davanti ai diretti rivali Jack Miller (LCR Honda) e Hector Barberà (Avintia Racing). Alle Spalle del valenziano si classificano i due team-mate Stefan Bradl e Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini).

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:40 per il Warm Up, mentre alle 14:00 scatterà la tredicesima gara della stagione 2015 del Campionato del Mondo MotoGP™.

La griglia di partenza della classe MotoGP™ a Misano

Tags:
MotoGP, 2015, GRAN PREMIO TIM DI SAN MARINO E DELLA RIVIERA DI RIMINI, Q2, Valentino Rossi, Marc Marquez, Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha MotoGP, Repsol Honda Team

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›