Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Lorenzo imprendibile al MotorLand

Lorenzo imprendibile al MotorLand

Rossi va in testa a 5 minuti dalla fine, ma immediatamente il maiorchino gli rifila quasi 7 decimi con un giro impressionante.

Ritmi da qualifica nelle prime libere di Aragon… e siamo solo al venerdì! Ma non non sembrano accorgersene i due protagonisti di questa avvincente stagione 2015: Jorge Lorenzo e Valentino Rossi hanno così spinto al massimo sin dalle prime battute del Gran Premio Movistar de Aragon.

In particolare, è stato il maiorchino a rubare la scena al compagno di squadra, che dopo aver chiuso in terza posizione al mattino, a 5 minuti dalla fine era balzato provvisoriamente al comando migliorando il tempo di Pedrosa. La gioia di Rossi è però stata effimera: perché qualche istante dopo Lorenzo, con un giro impressionante, gli ha rifilato circa 7 decimi!

Un crono record per il ‘Martillo’ che, confermando la prima posizione già conquistata nella sessione delle FP1, ha fatto il vuoto alle sue spalle mandando un chiaro segnale alla concorrenza, ma soprattutto al team-mate della Movistar Yamaha e rivale per il titolo, Valentino Rossi.

Il MotorLand non è certo uno dei circuiti preferiti dal Dottore, come egli stesso ha dichiarato, eppure il nove-volte iridato nonostante il gap incassato è lì alle spalle del maiorchino per ‘marcarlo’ stretto. Le libere di oggi ci hanno inoltre confermato che quello di Alcañiz è un tracciato amico delle M1: come evidenziato dalla terza posizione di Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3).

Galvanizzato dal podio di Misano, il  24enne di Oxford ancora una volta si mette in mostra quale miglior pilota satellite riaffacciandosi nelle alte sfere e regalando alla casa di Iwata un’importante tripletta nella ‘prima fila virtuale’. Nelle ultime fasi delle FP2 il britannico ha ricacciato indietro le HRC ufficiali di Pedrosa e Marquez, in pista con la gomma dura.

Presumibilmente sarà questa la scelta di pneumatici per il team Repsol Honda, che sembra aver ritrovato lo slancio del veterano di Sabadell, provvisoriamente in testa per buona parte della seconda sessione. Il campione del mondo in carica è comunque lì, pronto ad approfittarne di un passo falso di quelli davanti, come fatto nell’ultimo round in cui ha centrato la vittoria.

Alle spalle del talento di Cervèra, Pol Espargarò piazza ancora una M1 nelle prime posizioni classificandosi come l’ultimo dei piloti odierni a rientrare nel gap di 1” dal leader della giornata. Si tratta appena del sesto crono: tanto basta a far capire quanto sia andato forte Lorenzo oggi. 79 millesimi lo separano dalla GSX-RR di suo fratello maggiore Aleix Espargarò (SUZUKI ECSTAR), ottavo.

Dietro i due piloti di Granollers, il poker delle Desmosedici. La casa di Borgo Panigale piazza un filotto di quattro moto a cavallo della Top 10, con le due GP15 ufficiali di Dovizioso e Iannone (divisi tra loro da soli 40 millesimi) davanti alle satellite del team Octo Pramac Racing di Danilo Petrucci e Yonny Hernandez. Il colombiano si tiene dietro a sua volta le due RC213V degli inglesi Scott Redding (Estrella Galicia 0,0 Marc VDS) e Cal Crutchlow (LCR Honda).

In chiave ‘Open’, dopo le difficoltà del mattino Hector Barberà (Avintia Racing) stacca il miglior tempo della categoria rilegando i diretti rivali Loris Baz (Forward Racing) e Eugene Laverty (Aspar MotoGP Team) che invece si erano distinti in mattinata. In sella alla sua Desmosedici lo spagnolo ha preceduto i connazionali  Alvaro Bautista (Aprilia Gresini Racing) e Maverick Vinales (SUZUKI ECSTAR).

Penultimo posto per il rientrante Toni Elias (Forward Racing), ventiquattresimo come il suo inconfondibile numero in carena davanti all’alfiere della Repubblica Ceca, Karel Abraham (AB Motoracing) unico pilota a non migliorarsi nella sessione pomeridiana delle FP2.

La classe regina tornerà in pista domani alle 09:55 locali per la terza sessione di Prove Libere; quindi le FP4 di rifinitura che faranno da preludio ai due turni da 15 minuti delle Q1 e delle Q2 (14:10 e 14:35) che decideranno la griglia di partenza del Gran Premio Movistar de Aragon 2015.

La combinata del venerdì della MotoGP™ al MotorLand Aragon

Tags:
MotoGP, 2015, GRAN PREMIO MOVISTAR DE ARAGÓN, Valentino Rossi, Bradley Smith, Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha MotoGP, Monster Yamaha Tech 3

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

motogp.com
Le Wildcard di Aragon

1 anno fa

Le Wildcard di Aragon