Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Petrucci: “Ducati ha lavorato tanto”

Petrucci: “Ducati ha lavorato tanto”

Intervista a Danilo Petrucci; il pilota del team Ducati Pramac è stato tra i protagonisti del primo test MotoGP™ a Sepang.

Danilo Petrucci, portacolori di Ducati Octo Pramac Yakhnich MotoGP™, ha stupito tutti con il grande tempo conquistato il secondo giorno di test ufficiali a Sepang. O forse no. Un risultato che, seppur iniziale, è stato raggiunto con un grande impegno in questi anni per il pilota di Terni del team satellite di Borgo Panigale e per la sua scuderia.

motogp.com lo ha raggiunto telefonicamente dopo lo shooting di un suo importante sponsor e gli ha fatto qualche domanda.

Come ti stai preparando al Campionato del Mondo MotoGP™ 2016? Allenamenti specifici in pista, palestra?

“In questo periodo sono a casa; è un po’ complicato organizzarsi perché si susseguono tanti eventi e si va in moto poco. Una fase comunque utile e intensa visto che siamo in piena preparazione atletica e ci alleniamo tanto. Io personalmente giro molto con la moto da fuori strada, facci tanta palestra, corsa e, quando inizia ad alzarsi la temperatura, vado anche parecchio in bici”.

Un bell’inizio a Sepang, che ne dici?

“Si, un buon test per noi. Però c’è da dire che non portano a molto questi risultati ora. Serve poco guardare la classifica dei tempi adesso visto che tutti stanno facendo un lavoro di preparazione e, come noi, si stanno cucendo addosso la moto del 2016. Non conta nulla il bel tempo fatto, ma meglio partire con il piede giusto piuttosto che avere subito dei problemi. La nostra moto (Ducati Desmosedici GP 15, ndr) è collaudata bene perché è il prototipo dell’anno scorso e andava molto forte; quindi è stato un po’ più facile e abbiamo solo pensato a sposare bene il tutto con le nuove gomme Michelin e la nuova elettronica”.

Le novità tecniche sono viste come uno spartiacque e andranno, come si dice, a mescolare le carte. In che modo le state affrontando?

“C’è da dire che le novità sono molto importanti e incideranno tanto; magari da fuori si fa fatica a capirlo. Le gomme sono cambiate parecchio rispetto alle Bridgestone, sono molto diverse e trovare il giusto feeling con loro è il compito principale dei piloti; gli pneumatici sono fondamentali, sono l’unica parte di moto a contatto con l’asfalto, è una questione di sensazione soggettiva del corridore riuscire a capirli; la scuderia può solo darti delle indicazioni su come gestirli. Invece, il lavoro sull’elettronica deve farsi a fianco dell’ingegnere. È una centralina nuova quella del 2016 ma in Ducati hanno lavorato molto in inverno per farla funzionare in modo simile a quella del 2015, il vecchio software privato. Su quella nuova ora c’è un po’ più da lavorare e al momento sembra essere un filo inferiore. Però siamo solo all’inizio e anche noi dobbiamo capire bene come gestirla, quindi, come sarà il comportamento della moto nell’intero arco di gara; dobbiamo cercare di lavorare tanto con i tecnici per renderci tutt’uno con la moto dalla partenza al traguardo della gara ma anche durante le qualifiche e le prove libere”.

Petrucci questo fine settimana volerà a Phillip Island per i secondi test ufficiali IRTA; una tre giorni importantissima che servirà ancora per accumulare dati per il 2016. Conclusi questi, per il pilota 26 enne, qualche giorno di vacanza e la partenza per il Qatar dove ad aspettarlo ci saranno i terzi e ultimi test pre-season; un lavoro con gli occhi già puntati al GP sul circuito di Losail dopo qualche giorno che darà il via ufficiale al campionato del Mondo MotoGP™ 2016

Si dice che Ducati, con otto piloti in pista questa stagione, possa avere un certo vantaggio nella raccolta dei dati per il lavoro sulla moto. È vero secondo te?

“No, secondo me non è affatto vero. Anzi, Ducati è stata penalizzata rispetto all’anno scorso visto che le sono state tolte le agevolazioni che nel 2015 aveva (Petrucci si riferisce alla possibilità di sviluppo, quest’anno parificato rispetto alle concorrenti dirette Honda e Yamaha, ndr). Ora siamo tutti alla pari, quindi, non è vera come affermazione. Sicuramente Ducati ha fatto degli investimenti sul software unico, ha usato il team satellite per svilupparlo e adesso si trova con questo leggero vantaggio solo sotto questo punto di vista. Ducati sapeva che sarebbe arrivato questo software e quindi ha iniziato a pensarci prima degli altri e a investire risorse economiche, umane e impegno per arrivare preparata. Hanno fatto un grande lavoro, da questo punto nulla è arrivato da solo”.

Una previsione per questa stagione?

“Credo che il mondiale se lo giocheranno i soliti, perché hanno qualche cosa in più e sfruttano bene le loro moto. Però penso anche che, con questi cambi di regolamento, qualche cosa possa anche uscire fuori dalle prime gare per noi; ci possono essere delle moto che si adattano meglio e dei piloti che si adattano maggiormente ma non voglio aspettarmi nulla. So come posso lavorare e so che posso far bene. Ho accumulato un po’ di esperienza, è il mio secondo anno nel team Pramac, credo che verrà da se sfruttarla sperando di farne tesoro”.

Tags:
MotoGP, 2016, SEPANG MOTOGP™ OFFICIAL TEST, Danilo Petrucci, OCTO Pramac Yakhnich

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

6 mesi fa

With a record four successive days above 40°C in Perth the alarm has been early to go training. Night all

6 mesi fa

Gym time!!! Feeling happy this morning as just over a week and I get to ride my bike again ...