Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Secondo giorno di test MotoGP™ in Qatar, Viñales è primo

Secondo giorno di test MotoGP™ in Qatar, Viñales è primo

Nella seconda giornata di prove sul tracciato di Losail Maverick Viñales segna il miglior tempo con cinque prototipi diversi nella top five

La seconda giornata di test MotoGP™ in Qatar non riserva particolari sorprese, i più veloci restano i piloti del giorno d’apertura ma chiaramente a posizioni mutate. Questo però non ha intacca lo spettacolo di un test che parla già di sfida mondiale. Il più veloce è Maverick Viñales, Sukuki Ecstar, seguito da vicino da Andrea Iannone, Ducati Team e Jorge Lorenzo di Movistar Yamaha.

Le seconde prove del terzo test ufficiale prima dell’inizio del Campionato del Mondo MotoGP™ fanno pensare già ad una stagione combattuta con tre costruttori da primato e cinque moto diverse nelle prime cinque posizioni: la GSX-RR per Suzuki, la Desmosedici GP per Ducati, la M1 per Yamaha e, a concludere, le Ducati delle stagioni passate in forza ai team satellite: la GP15 e la GP14.2.

I primi a scendere in pista nelle fasi iniziali di test sono stati Michele Pirro e Hiroshi Auyama, collaudatori di Ducati e Honda, poi tutti gli altri quando le condizioni del tracciato sono andate migliorando. Valentino Rossi è stato il primo a fare un giro di pista con andatura sostenuta ma è tornato rapidamente ai box.

Dopo il suo primo giro il Dottore è stato il più veloce delle fasi iniziali della giornata mentre Marc Marquez e Jorge Lorenzo hanno acceso una lotta per il primato in tabella tempi a metà delle prove. Ducati ha fatto bene per tutto il day 2 con Andrea Iannone, Hector Barbera e Scott Redding a ridosso delle prime posizioni.

I piloti hanno anche compiuto un accurato test su altre gomme portate da Michelin al Losail Circuit, inoltre, alcuni corridori hanno provato una percorrenza di gara completa; tra questi Jorge Lorenzo, Andrea Dovizioso e Loris Baz.

Il primato di Maverick Viñales è arrivato al suo ventottesimo passaggio fermando il cronometro a 1:55.436s, record di questi test in Qatar. Si può certamente dire che con la prestazione di oggi e quanto di bene dimostrato da Phillip Island in avanti Viñales non è più una sorpresa ma una realtà con la quale i pretendenti al titolo della classe regina dovranno fare i conti questa stagione. Suzuki Ecstar è una scuderia solida con un prototipo che, oltre ad essere già molto veloce, ha un largo margine di miglioramento. Inoltre Viñales sembra lo specialista dei secondi giorni di test dopo aver fatto lo stesso risultato nel day 2 di Phillip Island.

Andrea Iannone è rimasto nelle posizioni di vertice con la sua Desmosedici GP; buona prestazione e dei buoni tempi per il pilota di Vasto. Un 1:55.508s sul giro che lo divide di 0.072s da Viñales, praticamente nulla. Il pilota del Ducati Team ha completato 41 passaggi, imprimendo il passo veloce ogni cinque o sei giri.  

Terzo Jorge Lorenzo con un miglior tempo di 1:55.535s di 0.099s dietro al pilota di Figueres. Nella seconda giornata di prove il maiorchino ha testato i piccoli alettoni frontali sulla sua M1 così come i piloti Repsol Honda.

Scott Redding e Hector Barbera sono stati ancora una volta all'interno di migliori cinque e dentro il tempo di 1:55s. Una buona prova per i due ducatisti, il primo Octo Pramac e il secondo Avintia.

Andrea Dovizioso, team Ducati, si è posizionato al sesto posto in tabella tempi. Le moto di Borgo Panigale hanno brillato particolarmente sul tracciato del Qatar caratterizzato da un lungo rettilineo dove il motore desmodromico si esprime al massimo della potenza.

Settimo, in ritardo di 0.421 dietro a Viñales, si è posizionato Dani Pedrosa, Repsol Honda. Il Qatar è una pista difficile per le moto nipponica. Il numero 26 HRC è rimasto però davanti a Valentino Rossi che ha concluso la sua seconda giornata di test ottavo a quasi mezzo secondo dal suo compagno di box Lorenzo.

Marc Marquez ha condotto un inizio esplosivo migliorando i tempi della giornata precedente passaggio dopo passaggio. Purtroppo un incidente alla curva 1 lo ha rallentato e gli ha fatto segnare un miglior giro di 1:56.046s con il nono tempo in assoluto.

Completa i primi dieci Aleix Espargaro che ha finalmente provato il cambio completamente seamless, la novità più attesa in casa Suzuki Ecstar. Nel primo giorno di prove sulla GSX-RR era stato montato un cambio seamless solo in scalata verso il basso, dalla seta alla prima marcia. Quello provato nel day 2 invece offre la possibilità di avere continuità di cambiata sia a salire sia a scendere.

Pol Espargaro, Monster Yamaha Tech 3, ha conquistato l’undicesimo posto dietro al fratello e Loris Baz si è posizionato dodicesimo afflitto ancora da parecchie difficoltà.  

Delusione per Cal Crutchlow: tredicesimo ma con più giri di ogni altro pilota, 50.  

Yonny Hernandez e Tito Rabat ha chiuso la classifica dei migliori quindici; per loro ancora tanto lavoro da fare in vista dell’inizio della stagione il 20 marzo proprio in Qatar.

Con solo 14 giri, è stata una giornata tranquilla per Bradley Smith che ha scelto di preservare le gomme concentrando l’uso degli pneumatici nell’ultimo giorno di test. Eugene Laverty è rimasto dietro al britannico di 0.403s.

Sia Alvaro Bautista sia Stefan Bradl hanno continuato a provare la nuova Aprilia, soprattutto sulla tenuta nelle lunghe percorrenze, diciottesima e ventiduesima posizione nel day 2 per loro. A dividere la coppia Jack Miller, Michele Pirro e Hiroshi Aoyama.

Venerdì dalle 16 ora locale la terza ed ultima giornata di test in Qatar.

Tutti i tempi dei test sul circuito di Losail cono consultabili qui.

Tags:
MotoGP, 2016, QATAR MOTOGP™ OFFICIAL TEST, T2, Jorge Lorenzo, Andrea Iannone, Maverick Viñales

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›

motogp.com
La nascita della RS-GP 2016

11 mesi fa

La nascita della RS-GP 2016