Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Giornata finale di test in Qatar, Lorenzo torna al vertice

Giornata finale di test in Qatar, Lorenzo torna al vertice

Terza e ultima giornata di test sul circuito di Losail: Jorge Lorenzo un fulmine, Viñales solo terzo, Redding la sorpresa tra i due.

Nella terza giornata di test MotoGP™ Jorge Lorenzo, Movistar Yamaha, si conferma il più veloce e già in forma per difendere il titolo iridato. Viñales del team Suzuki Ecstar non si ripete al primo posto in classifica tempi e conquista la terza posizione dietro a Redding, ducatista satellite Octo Pramac che rappresenta la sorpresa della giornata. La prestazione dell’inglese sulla GP15 è ottima ma non inattesa; il numero 45 è rimasto costantemente nelle posizioni di vertice per tutto il terzo test del 2016.

Prima sessione caratterizzata dalle cadute e per molti piloti è stata una giornata partita in salita. Valentino Rossi, compagno di box e rivale di Lorenzo, è caduto nuovamente alla curva 10; il pilota Movistar Yamaha è rimasto illeso ritornando subito in sella e pronto a prendere ancora la via della pista. Poco dopo anche Tito Rabat è finito nella ghiaia alla curva 6 e, più tardi, il portacolori Estrella Galicia 0,0 Marc VDS è caduto ancora. Per terra poi Aleix Espargaro, Loris Baz, Hector Barbera e Cal Crutchlow per il quale però si è reso necessario il controllo medico.

Jorge Lorenzo impone quindi il suo primato anche in Qatar con il tempo di 1:54.810s, il miglior giro di questi test Il Campione del Mondo MotoGP™ 2015 è stato l’unico pilota a scendere sotto l’1:54s, mezzo secondo più veloce rispetto a qualunque altro sul Losail Circuit. Il maiorchino oltre a fare il classico ‘tempone’ ha anche testato una simulazione di gara a ritmo indiavolato con la maggior parte dei passaggi sull’1:56s e alcuni anche sull’1:55s. Altri piloti hanno provato un long-run ma nessuno si è avvicinato al passo del numero 99 sulla M1.  

0.516 secondi dietro a Lorenzo si è posizionato Scott Redding. Il pilota Ducati ha messo a referto un miglior tempo di 1:55.326s in sella alla GP15, prototipo dell’anno scorso davanti alle nuove Desmosedici GP.

Maverick Viñales continua a restare sotto i riflettori ma non si ripete nel primato dei crono. Il pilota di Figueres nel giorno finale di test è terzo con un buon 1'55.333s come miglior passaggio. Dirà ancora la sua, sicuramente.  

Torna a vedere la luce delle posizioni che contano Marc Marquez che ha fermato il cronometro sull’ 1:55.402s. Il portacolori Repsol ha spinto da subito molto forte, cadendo ma ricostruendo la fiducia persa fino a raggiungere il quarto posto della giornata.  

Valentino Rossi è quinto con il tempo di 1:55.429s arrivato al 36esimo passaggio su 55 totali. Il quintetto dei primi ha migliorato il tempo da primato del giovedì di Viñales. Il test in Qatar ha visto il Dottore impegnato nella raccolta dei dati compiere un totale di 144 passaggi durante la tre giorni nel deserto. Ancora una volta però, Rossi è mezzo secondo dietro al suo compagno di scuderia.  

Sesto Andrea Iannone, team Ducati, con il miglior tempo di 1:55.508s e più concentrato nel cercare il passo gara che nell’abbassare il cronometro sul giro singolo.

Un decimo più lento del ducatista ufficiale si è posizionato Cal Crutchlow che è riuscito a migliorare il suo tempo di giovedì di oltre mezzo secondo concludendo al settimo posto; a 0.108s Andrea Dovizioso, ottavo.

Hector Barbera, Avintia Racing, è caduto due volte nel day 3 ma riesce comunque a segnare con la sua Ducati il miglior passaggio di 1:55.733s. Lo spagnolo ha dimostrato di riuscire a stare con i migliori dieci.

Una difficile pre-season per Dani Pedrosa che è solo decimo, distante dai più veloci ha messo a referto un miglior passaggio della giornata e dei suoi test di 1:55.857s. Il pilota Repsol è decisamente giù di morale per queste prestazioni opache ma i tempi che contano devono ancora arrivare.

Pol Espargaro, Monster Yamaha, conclude in undicesima posizione davanti al compagno di squadra Bradley Smith; tra i due Yonny Hernandez, team Ducati Aspar, al dodicesimo posto.

Loris Baz, Avintia Ducati, è quattordicesimo davanti Aleix Espargaro sulla Suzuki del team Ecstar; a stupire è la distanza tra i compagni di box della azzurra nipponica con il numero 41 ancora una volta in ombra rispetto a Viñales.

Giornata di grande lavoro per Michele Pirro che ha sostituito l'infortunato Danilo Petrucci con i colori di Ducati Pramac; il collaudatore Ducati ha completato 63 giri con il miglior passaggio di 0.436s più veloce di Tito Rabat che lascia il Qatar al diciassettesimo posto.

Alvaro Bautista ha continuato i progressi con la nuova Aprilia RS-GP 2016 staccato di 2.233s da Lorenzo e davanti all’australiano Jack Miller, diciannovesimo. Eugene Laverty è ventesimo e Stefan Bradl ventunesimo come ultimo pilota ufficiale davanti ai collaudatori Honda e Suzuki, Hiroshi Aoyama e Takuya Tsuda.

La classifica combinata è lo specchio di quella del giorno finale fino alla nona posizione con quattro costruttori nei primi quattro posti in classifica. Questo preannuncia un Campionato del Mondo MotoGP™ 2016 combattuto, incerto e forse sorprendente.  Prenderà il via tra meno di due settimane proprio in Qatar, l’appuntamento è fissato per il 17 marzo sul Losail Circuit.

I risultati completi dei test MotoGP™ in Qatar sono consultabili qui.

Tags:
MotoGP, 2016, QATAR MOTOGP™ OFFICIAL TEST, T3, Scott Redding, Jorge Lorenzo, Maverick Viñales

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›