Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Aleix Espargaro: “Abbiamo azzardato un po'”

Aleix Espargaro: “Abbiamo azzardato un po'”

Il maggiore dei fratelli Espargaro non brilla in Qatar, fa molti cambi sulla sua Suzuki per partire più fiducioso e alla fine arriva 11°.

Il cambio di gomme e l’ingresso di Michelin in MotoGP™, non è stato facile per Aleix Espargaro e la sua parte di box Suzuki Ecstar. Una situazione che ha penalizzato anche il suo compagno di team Maverick Viñales, partito dalla prima fina e presto finito dietro a guardare il gruppo dei più veloci andare via. Per il maggiore dei fratelli Espargaro gli stessi problemi trovandosi a poco agio con la gomma anteriore fino alla gara con la situazione che è migliorata. Il pilota spagnolo è partito dalla 15esima posizione arrivando 11esimo. Per tutto il precampionato la distanza dal suo compagno di box è stata considerevole, in Qatar si è ridotta e adesso la luce alla fine del tunnel inizia a vedersi per il numero 41 su Suzuki. Espargarò spera di migliorare nei prossimi turni e raggiungere il suo obiettivo di finire tra i migliori sei con il sogno di andare a podio; l’ultima piazza che conta per Suzuki risale al 2008 a Brno, mentre l’ultima e la sola nella classe regina per il pilota è nel 2014 al GP di Aragon. I miglioramenti sulla moto e il grande lavoro Ecstar dimostrano che la volontà di far diventare il sogno realtà è tanta.

Aleix Espargaro: “E 'stato un weekend molto duro e il risultato della gara nasce da questo. Nel warm-up mi sentivo a disagio così ,con la mia squadra e Suzuki abbiamo deciso di fare molte modifiche alla moto, sapevamo che era un azzardo ma in qualche modo mi ha dato più fiducia. Ora ci sarà da analizzare i dati per capire se i vari cambi hanno dato i loro frutti e potremo portarli in Argentina; il fattore buono, al di là della posizione di arrivo, è che abbiamo trovato spunti interessanti”.   

Tags:
MotoGP, 2016, COMMERCIAL BANK GRAND PRIX OF QATAR, RAC, Aleix Espargaro, Team SUZUKI ECSTAR

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›