Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

GP di Argentina, le decisioni sulle gomme

GP di Argentina, le decisioni sulle gomme

Un secondo warm up e un nuovo pneumatico posteriore sono stati introdotti per la gara dopo l'incidente a Redding.

• La causa della rottura del pneumatico PQ4 accorsa a Sott Redding è ancora sotto inchiesta

• Entrambi gli pneumatici posteriori devono essere ritirati e sostituiti da una mescola extra “special”

• Un secondo warm up di 30 minuti avrà luogo alle 09:00 ora locale per la MotoGP™.

Dopo l'incidente in FP4 al Gran Premio Motul de la Republica Argentina a Termas de Rio Hondo che ha coinvolto Scott Redding, Octo Pramac Yakhnich e durante il quale lo pneumatico posteriore ha subito un guasto saranno intraprese azioni specifiche per la gara.

Lo pneumatico di Redding, una mescola media usata per sette giri, è ancora in fase di esame da parte dei tecnici Michelin per determinare la causa del guasto. Fino a quando non sarà determinata la causa, Michelin ha deciso di ritirare entrambe le gomme posteriori per motivi di sicurezza e di introdurre un composto "speciale" per una simile occasione. Ogni pilota avrà quattro di questi pneumatici posteriori a disposizione per domenica.

Entrambi i tipo di pneumatici al quale apparteneva la gomma si Redding danneggiata devono essere ritirati perché entrambi della stessa costruzione, il che significa che vi è la possibilità di un guasto simile su questa gomma. La nuova gomma posteriore introdotta da domenica è di una mescola più dura sia pure a discapito dei tempi sul giro.

Per aiutare i team e i piloti ad adattarsi a questa situazione complicata la Direzione Gara ha deciso di aggiungere un ulteriore warm up di 30 minuti per la MotoGP™ alle 9 del mattino. Dopo questa sessione, il programma continuerà come precedentemente previsto. Per questa nuova procedura aggiuntiva tutti i piloti avranno a disposizione una gomma anteriore aggiuntiva.

Tags:
MotoGP, 2016, GRAN PREMIO MOTUL DE LA REPÚBLICA ARGENTINA

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›