Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Marquez domina il GP di Argentina, pasticcio Ducati

Marquez domina il GP di Argentina, pasticcio Ducati

Marquez vince il GP di Argentina. Rossi è secondo davanti a Pedrosa e i due piloti del team Ducati cadono alla penultima curva.

Seconda prova del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016 e Marc Marquez, pilota Repsol Honda, sale su gradino più alto del podio nel GP di Argentina. Valentino Rossi, Movistar Yamaha, è secondo davanti a Dani Pedrosa, pilota HRC. Andrea Iannone e Andrea Dovizioso portacolori del Ducati Team, secondo e terzo temporanei, si toccano a fine gara e cadono.

La prima fila della griglia di partenza in Argentina vede in pole Marc Marquez alla sua destra Valentino Rossi e, di fianco il suo compagno di team Jorge Lorenzo. Seconda fila per Dani Pedrosa davanti alla due ducati ufficiali di Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, primo del Warm Up su pista bagnata.

La gara è stata posticipata di mezzora a causa dei cambi al programma. Era stato imposto un Warm Up ulteriore per provare lo nuovo pneumatico extra da asciutto reso necessario dopo l’incidente accorso a Scott Redding, portacolori Octo Pramac. Questa sessione è stata cancellata a causa della pioggia caduta sulla pista nella prima mattina. Le condizioni sono andate migliorando con il passare delle ore e le decisioni definitive sono state prese dopo l’unico Warm Up, posticipato di 30 minuti, nel quale il migliore è stato Iannone.  Le condizioni della pista, che si stava asciugando lentamente, ha fatto scegliere per una gara ‘asciutta’ con slick; usate quindi le nuove gomme introdotte da sabato sera (Option Tyre) con tela più dura, ma sottoposta al regime flag-to-flag per consentire l’eventuale cambio di prototipo con pneumatici diversi al giro 9, 10 o 11, in totale sono adesso 20 non 25.

Il semaforo si spegne e Lorenzo parte bene, è primo. Alla prima curva scintille tra Pedrosa e Iannone con Rossi e Marquez che allungano davanti al gruppone di testa; sfida di vertice tra il campione del mondo in carica, Rossi e Marquez mentre Dovizioso dalla quarta piazza sale alla prima. Maverick Viñaleas, Suzuki Ecstar, è quarto davanti a Iannone mentre Lorenzo scende in sesta posizione.

Cadono Pol Espargaro, Yamaha Tech3, che riprende la via della pista, Cal Crutchlow, LCR Honda e Yonny Hernandez Aspar Team che si ritirano, poi sarà la volta di Loris Baz, Avintia Racing.

Marquez prova a farsi sotto con Rossi che chiude le traiettorie e mette nel mirino Dovizioso. Intanto rimonta Viñales. Marquez sorpassa Rossi e poi Dovizioso, in due curve il talento di Cervera comanda la gara a meno 15 passaggi dal termine.

Cade Jak Miller, Estrella Galicia 0.0 mentre i tre davanti cambiano le loro posizioni e Iannone supera il pilota Suzuki. Il numero 93 HRC allunga e segna il miglior passaggio di 1.41.022s quando Lorenzo alla curva 1, finisce a terra: gara conclusa per il leader della classifica.

Lotta per la terza piazza tra Iannone e Dovizoso. Mentre Rossi si avvicina al leader della gara che per un contatto alla partenza ha la telecamera staccata dal codino. Il portacolori Ecstar supera le due Ducati e si mette alla rincorsa delle prime due posizioni.

Meno 12 giri alla fine e inizia la lotta tra Marquez e Rossi, il Dottore passa lo spagnolo in staccata alla curva uno ma deve ricedere il passo al due volte iridato.

Al nono primi cambi di gomme mentre Rossi e Marquez restano in pista tra le scintille e rientrano insieme ai box ma mantenendo le posizioni quando escono sull’asfalto, il numero 46 però sembra più lento con le nuove gomme e dietro di lui rimonta Viñales seguito da Iannone e Dovizioso. Il pilota catalano mangia secondi al Dottore mentre il numero 93 Honda è ormai a 5.400s di distanza.

Problema per Scott Redding che si ritira a meno cinque giri dalla fine.

Rossi perde ancora secondi e viene raggiunto dal gruppo che lo precede. Viñales prova l’attacco ma Rossi chiude la porta alla curva 1. Il pilota di Figueres in un nuovo assalto all’italiano su Yamaha perde l’anteriore e cade alla curva 1. Marquez è lontano e dietro tre italiani, Rossi, Iannone e Dovizioso che danno vita ad una lotta per il secondo posto con una sfida tra le due Ducati e la M1 che si gioca negli ulti due giri. Dovizoso passa Iannone e Rossi e allunga. Il Dottore prova a farsi sotto alle Desmosedici, ma non riesce ad avere la meglio, pare rallentato e con poco feeling.

Marquez taglia il traguardo mentre dietro capita quello che ormai sembrava impensabile: le due Ducati si toccano alla penultima curva, Iannone e Dovizioso cadono con Rossi che conquista il secondo posto davanti a Pedrosa.

A causa della manovra all'ultima curva Iannone sarà penalizzato di 3 posizioni nel prossimo GP e un punto sulla patente. La decisione è stata presa dallo Steward Pannel, il nuovo organo giudicante in MotoGP™.

Prossimo appuntamento per la classe regina tra una settimana, con il GP delle Americhe in Texas.

Le classifiche e i tempi della gara MotoGP™ in Argentina sono consultabili qui.

Tags:
MotoGP, 2016, GRAN PREMIO MOTUL DE LA REPÚBLICA ARGENTINA, RAC, Marc Marquez, Dani Pedrosa, Valentino Rossi, Repsol Honda Team, Movistar Yamaha MotoGP

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›