Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

Rossi dice la sua, primo delle libere a Jerez

Rossi dice la sua, primo delle libere a Jerez

Terza sessione di libere per la classe regina, il Dottore è il più veloce della combinata, Marquez lo bracca, sorprende Pol Espargaro.

Dopo il venerdì della classe regina a Jerez firmato con il numero 99 di Jorge Lorenzo, team Movistar Yamaha, il sabato e la classifica combinata delle libere vanno a Valentino Rossi, suo compagno di box e rivale. Marc Marquez di Repsol Honda è secondo e Pol Espargaro sorprende con il terzo tempo. Il team Ducati fatica, Andrea Dovizioso è settimo e Andrea Iannone è solo nono.

La MotoGP™ precede in pista la cilindrata più bassa nel sabato del GP di Spagna. Si inizia con le libere della mattina contraddistinte da buone condizioni meteo. Come venerdì è il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo ad entrare per primo in pista. Il maiorchino di Movistar Yamaha conserva il primato della combinata dopo il miglior tempo di 1:39.555s fatto nelle FP1 e FP2. Seguono Marc Marquez e Aleix Espargaro di Suzuki Ecstar.

Nelle fasi iniziali migliorano i propri crono Dani Pedrosa, pilota HRC, e Dovizioso che sale al quarto posto portando la sua Desmosedici davanti alla Ducati satellite di Hector Barbera di Avintia Racing. Dietro c'è Rossi che dopo qualche giro migliora il suo tempo della prima giornata andalusa ed è sesto a 0.648 dal compagno di scuderia. Entra nelle posizioni di vertice anche Maverick Viñales, pilota Suzuki che è dietro al Dottore. L’ordine della tabella tempi cambia ancora varie volte, Rossi sale in terza posizione attestandosi a ridosso del duo spagnolo Lorenzo-Marquez e Pedrosa conquista la quarta piazza davanti all’ Espargaro di Suzuki. In queste fasi e come le prime due sessioni di libere Andrea Iannone, Ducati Team, sembra attardato e occupa la sedicesima posizione. Il lavoro per il numero 29 è rivolto alla ricerca di un miglior trazione partendo anche da un nuovo set up. Michele Pirro, ducatista Octo Pramac Yakhnich, è diciannovesimo con problemi simili.

Marquez prova ad insidiare il primato del numero 99 ma non ci riesce ed è ancora dietro al cinque volte iridato di Yamaha, il pilota Honda tenta vari passaggi veloci ma nonostante la grande decisione resta agganciato alla seconda piazza. È Viñales però che balza al terzo posto spodestando il Dottore e completando un trio spagnolo, 1:38.864s il tempo del pilota catalano, a 0.309s da Lorenzo.

La lotta ora è per raggiungere migliorarsi oltre la decima posizione e quindi accedere direttamente alla Q2. Protagonisti di questa sfida sono Iannone, Pol Espargaro e Cal Crutchlow, LCR Honda. Il pilota di Vasto si leva dall’impiccio quando mancano sei minuti alla fine e scavalca il compagno di scuderia al sesto posto a 0.520s dal primo crono delle libere. Ma il numero 29 sembra aver trovato il passo e strappa la terza piazza al numero 25 Suzuki quando Pedrosa spodesta il compagno HRC dalla seconda posizione, alla fine non basterà per Iannone che con il mutare della classifica perde molte posizioni. Marquez intanto prova il suo miglior passaggio e diventa il nuovo leader provvisorio delle libere, 1:39.421s dietro al quale sale di sorpresa Pol Espargaro che trova dei passaggi a ritmo altissimo. Rossi intanto segna il terzo tempo temporaneo con Lorenzo che in questa fase è quarto e non troverà più il miglior crono. Ci prova con successo allora il suo compagno di box, 1:39.244s il nuovo tempo di Rossi che risulterà il migliore delle libere. Il numero 93 Honda tenta subito ad attaccarlo ma nonn riesca a batterlo restando secondo a 0.046s dalla vetta; seguono Pol Espargaro e Lorenzo. Dovizioso e Iannone sono settimo e nono.

I primi dieci accedono direttamente alle Q2, i restanti si giocheranno le ristanti posizioni in griglia di partenza nelle Q1 che inizieranno alle 14:10 ora locale. A seguire le seconde qualifiche alle 14:35.

Clicca qui per i risultati delle FP3.

Tags:
MotoGP, 2016, GRAN PREMIO RED BULL DE ESPAÑA, FP3, Marc Marquez, Valentino Rossi, Pol Espargaro, Movistar Yamaha MotoGP, Repsol Honda Team, Monster Yamaha Tech 3

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›