Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass

I nomi più importanti del motociclismo transalpino

I nomi più importanti del motociclismo transalpino

Come già avvenuto in passato i piloti francesi posso essere protagonisti del GP di casa anche questa stagione.

Il motociclismo francese può vantare importanti nomi di riferimento nel Campionato del Mondo MotoGP™. In particolare sul tracciato di Le Mans, palcoscenico del prossimo GP stagionale, sono stati cinque i corridori transalpini che hanno vinto nel corso della storia e, il primo di questi fu Jean Aureal nel 1969, classe 125cc. A questo successo ne seguirono altri e dopo un decennio arrivò la vittoria di Guy Bertin sempre nella ottava di litro e Patrick Fernandez in 350cc mentre, più di recente, sono saliti sul gradino più alto del podio nella cilindrata più bassa Mike Di Meglio nel 2008 e Louis Rossi nel 2012.

Ma per la Francia arrivarono anche altre vittorie nel GP di casa conquistate su tracciati differenti come l’edizione del 1982 a Nogaro dove si imposero Jean Claude Selini, Jean-Louis Tournadre e Jean François Baldé che vinsero rispettivamente in 125cc, 250cc e 350cc.

Alla fine degli anni settanta si è assistito alla tragica scomparsa di una intera generazione di piloti francesi tra i quali Patrick Pons, lo stesso Frenandez e Olivier Chevallier. Solo Christian Sarron rimase come il corridore rappresentante di quelle vittorie.

Christian Sarron, icona di una generazione

Dopo l’esperienza nella massima cilindrata il più anziano dei fratelli Sarron ha vinto il titolo in 250cc nel 1984. Al suo ritorno nella mezzo litro con il team Sonauto dal 1985 fu l’unico europeo a contrastare il dominio dei corridori nordamericani e australiani negli anni successivi.

Oltre al titolo in 250cc un momento simbolico della sua carriera è stata la spettacolare vittoria nel GP di Germania nel 1985. Poi, durante il dominio nord americano del motociclismo internazionale degli anni ottanta, è stato costantemente sul podio fino al suo ritiro nel 1990. Ma proprio questa annata ha visto emergere il nome di un altro pilota transalpino, Jean Philippe Ruggia, che salì sul podio nel GP del Belgio in classe 500cc.

Arrivarono gli anni novanta e il nome di successo del motociclismo transalpino fu quello di Olivier Jacque che vinse il titolo iridato nel 250cc con Yamaha. Il giovane francese emerse dalle classi minori e arrivò fino al 2000 con la scuderia francese Tech3; nell’ultima sua gara si impose sul suo compagno di scuderia Shinya Nakano per 14 millesimi di secondo. Quella stessa stagione arrivò anche terzo nel GP di casa a Le Mans. Con Jacque furono momenti memorabili del motociclismo d’oltralpe nella classe regina. Nel GP di Germania del 2002 ottenne l’ultima pole della storia per il suo paese; in lotta per la vittoria fu fatto cadere dal suo compagno di scuderia Alex Barros mentre, nel 2005 su Kawasaki, impressionò il pubblico per la sua guida spettacolare sotto la pioggia del GP di Cina arrivando secondo dietro a Rossi.

Altre figure importanti del motociclismo francese della classe regina in questi anni sono stati Mike Di Meglio, Randy De Puniet e Sylvain Guintoli ma nessuno di loro ha raggiunto notevoli successi. Di Meglio ha vinto il titolo mondiale 125cc nel 2008, Guintoli quello del WorldSBK nel 2014 e De Puniet ha vinto cinque gare in 250cc e durante la sua lunga carriera ha raggiunto il podio due volte in MotoGP™.

Il motociclismo francese oggi

L’arrivo di Loriz Baz in MotoGP™ ha riacceso le speranze di rivedere un pilota transalpino sul podio del campionato motociclistico più seguito al mondo, per il momento però i risultati del portacolori Avintia non sono dei migliori.

Brilla Johann Zarco, campione del mondo in carica in Moto2™ e oggi nella stessa classe al quale si aggiunge, sempre nella cilindrata 600cc, il wild card Lucas Mahias.

In Moto3™ la rappresentanza dei piloti francesi è più numerosa, grazie ai nomi di Alexis Masbou, Jules Danilo e il giovane Fabio Quartararo. Nella categoria più bassa il GP di Francia del 2016 vedrà anche la partecipazione di Enzo Boulom, protagonista del FIM CEV Repsol e già sulla griglia di partenza dell’ultima gara a Jerez de la Frontera.

Tags:
MotoGP, 2016, MONSTER ENERGY GRAND PRIX DE FRANCE, Johann Zarco, Loris Baz

Altri aggiornamenti cui potresti esser interessato ›