Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
12 giorni fa
By motogp.com

Rossi: “Partire davanti è fondamentale”

Per il Dottore delle qualifiche non facili a Misano. È comunque secondo e ora il dubbio più grande resta sulla gomme anteriore.

A Misano Valentino Rossi sigla il secondo miglior tempo della qualifiche. Il sabato del nove volte iridato del team Movistar Yamaha è come spesso accade un crescendo e il Dottore raggiunge il massimo risultato dominando la FP4. Valentino aveva chiuso le libere all’ottavo posto e nelle qualifiche prova a spingere, il suo miglior giro arriva alla fine fermando il cronometro sull’ 1:32.216s, a 0.348s dal rivale di scuderia Jorge Lorenzo, l’uomo pole a Misano. La gara sarà un’altra cosa, apertissima ad ogni risultato. Come ogni GP romagnolo anche l’appuntamento del 2016 per Rossi è l’occasione di sfoggiare un nuovo casco, questa volta il disegno AGV è una citazione cinematografica e musicale con lui stesso e l’amico Uccio in versione Blues Brothers. Il famoso due cantava ‘Sweet Home Chicago’ che per il Valentino Rossi di Tavullia diventa ‘Sweet Home Misano’. L’idea, come spiegato dal Dottore, è arrivata proprio da un cantante, Cesare Cremonini.

Il casco? Un'idea di Cesare Cremonini Valentino Rossi

Valentino Rossi commenta: “Sono contento per come sono andate le qualifiche. È stato difficile soprattutto con le mescole, tutti hanno fatto dei grandi tempi però mi sentivo molto bene, avevo delle buone sensazioni e con la seconda gomma ho potuto migliorare. Questo risultato è molto importante, partire davanti è fondamenta su questa pista dove è difficile superare. Vediamo come sarà la nostra domenica e aspetteremo di capire quali condizioni ci saranno. Dovremo lavorare un po’ sul bilanciamento e su altri piccoli particolari; il dubbio più grande è sulla mescola anteriore”. Termina parlando del casco, “Volevamo fare qualche cosa di particolare e l’idea è arrivata da un nostro amico, il cantante e musicista Cesare Cremonini”. 

Support for this video player will be discontinued soon.

Rossi: "Il miglioramento è arrivato con la seconda gomma"