Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
5 giorni fa
By motogp.com

GP d’Australia, la conferenza stampa con i protagonisti

Giovedì di apertura della sedicesima prova stagionale. Il MotoGP™ arriva a Phillip Island dove la variabile climatica sarà determinate.

Inizia il GP d’Australia e a Phillip Island va in scena la conferenza stampa che apre ufficialmente la sedicesima prova del Campionato del Mondo MotoGP™ 2016. Un circuito dal grande fascino quello sulla costa della Regione di Victoria, palcoscenico di epiche battaglie in passato, come ad esempio il GP della scorsa stagione, considerata ora la corsa più bella dell’era MotoGP™. Ma che può riservare sorprese, una su tutte gli sbalzi termici e il vento. Variabili importanti per gli assetti dei prototipi e la scelta delle mescole.

All’incontro con i media mondiali si presentano Marc Marquez, neo campione del mondo della classe regina che a Motegi ha sollevato al cielo il casco dorato con tre gare d’anticipo mettendo in bacheca il suo quinto titolo mondiale, il terzo nella massima serie. All’appuntamento di apertura GP anche Jorge Lorenzo, pilota Movistar Yamaha ora terzo in campionato che, con la sua caduta al Twin Ring, ha consegnato la corono iridata all'avversario di HRC. All’appuntamento con i media anche Adrea Dovizioso (Ducati Team), Jack Miller, corridore di casa del team Estrella Gallicia 0,0, Maverick Viñales (Suzuki Ecstar) e Cal Crutchlow, LCR Honda.

Novità del GP australiano la partecipazione di Nicky Hayden con la scuderia Repsol Honda. Il pilota americano, campione del mondo MotoGP™ 2006 e oggi in WorldSBK, torna nella classe regina dopo la gara al MotorLand con la scuderia Marc VDS ma questa volta è su una RC213V ufficiale, con la quale vinse la corona iridata dieci anni fa.

Il primo a parlare è Marquez che descrive le emozioni dopo la vittoria, “Tutto bellissimo e ora sono molto più rilassato e posso godermi l’ultima parte di campionato”. Parla del suo successo, “È stato difficile rafggiungerlo ma adesso siamo pronti per fare un’altra bella prova. Questo è uno dei mie circuiti preferiti, l’anno scorso è stata una grande gara, tenteremo di ripetere lo spettacolo”.

Lorenzo commenta il suo GP giapponese, un fine settimana concluso male, con una caduta. “Avevo la pressione di Dovizioso e sono caduto”. E, parlando di Phillip Island, “Con le perfette condizioni è una pista bellissima e divertente. All’inizio della stagione le Honda non erano così forti ma poi sono cresciute, il box e la Casa hanno fatto un grande lavoro”.

Maverick Viñales è un protagonista atteso dopo il bel GP a Motegi chiuso al terzo posto: “Dovremo vedere il tempo atmosferico; dopo il Giappone la motivazione è alta. Per me è un circuito perfetto quello australiano, si adatta bene al mio stile di guida”.

Anche Dovizioso è stato artefice di una grande prova al Twin Ring che gli è valsa la piazza d’onore: “A Motegi è stato un fine settimana molto positivo, quando Lorenzo è caduto eravamo molto vicini”. Parlando dell’Australia, “L’anno scorso qui non è stata una bella gara, ma abbiamo fatto progressi con la moto e spero faremo bene. È una pista veramente speciale, dopo il Giappone inizierò con grandi motivazioni”.

Cal Crutchlow è arrivato quinto nel primo GP del triplete, ora è pronto per Phillip Island: “In Giappone ho avuto qualche problema, soprattutto con la gomma anteriore. Adesso voglio fare una bella gara”. Per un team satellite le possibilità di essere vicino a quelli ufficiali aumentano con condizioni climatiche non buone, come ad esempio con la pista bagnata, ma Crutchlow non si augura un GP con la pioggia visto che le difficoltà anche per il box accrescono nel preparare una gara sul bagnato.

Miller fa gli onori di casa e sulla pista della baia è tra i protagonisti più attesi; il pilota Estrella Galicia ha parlato delle condizioni meteo e dei bruschi cambi di temperatura del circuito sulla costa, poi anche della sua stagione segnata da due infortuni: “Ora sto bene, la gara a Motegi è servita per testare la mia condizione. Phillip Island ha meno frenate, potrebbe essere più semplice per la mia mano”.

Support for this video player will be discontinued soon.

Miller spera che i problemi siano alle spalle

Molto atteso è Hayden che ritrova la scuderia con la quale vinse il titolo dieci anni fa. “Mi hanno chiamato e l’opportunità era grande di correre con Repsol e la squadra del mio titolo”. Sono le parole del 'Kentucky Kid' che in Australia è arrivato tre volte sul podio: un secondo e due terzi posto proprio con la moto di Tokyo nelle stagioni 2003 (3°), 2005 (2°) e 2008 (3°). “Phillip Island è una delle mie piste preferite dove ho conquistato dei podi”, commenta il suo ritorno in HRC, “Questa mattina, quando sono entrato nel box stato molto emozionate vedere il mio numero ancora su una Honda ufficiale”.

Support for this video player will be discontinued soon.

Hayden, il ritorno in HRC

Da venerdì la parola passerà alla pista con le prime prove libere del GP d’Australia. Aprirà la Moto3™ alle 9:00 locali con la FP1, sarà l’1:00 italiana.

Consigliati