Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
6 giorni fa
By motogp.com

#StatAttack: gli incidenti del 2016

Un’analisi delle cadute nella stagione appena trascorsa.

Tags MotoGP, 2017

Support for this video player will be discontinued soon.

Most spectacular crashes of the year

Nel Campionato del Mondo MotoGP™ 2016 ci sono stati un totale di 1062 cadute che hanno coinvolto i piloti delle tre classi. È la prima stagione che questa cifra svetta oltre il tetto dei mille incidenti e l’anno scorso si fermò a quota 976.

288 cadute sono avvenute in MotoGP™ con una media di circa 16 ogni GP. Anche questa cifra è più alta della stagione precedente con una media ad evento di 12. L'annata della cilindrata intermedia è stata caratterizzata da 364 cadute, anche qui in aumento rispetto all’anno scorso con una media di 20 a GP mentre in Moto3™ la differenza tra il 2016 e il 2015 è solo di una scivolata, 410 contro 409, e la stessa media per evento.

Le cadute nella classe regina sono state più numerose in gara, 81, rispetto alle libere e alle qualifiche e la stessa cosa è successa nelle altre due categorie: 120 e 151 incidenti sono successi dopo lo spegnersi del semaforo della 600cc e della quarto di litro.

Il pilota che è caduto di più durante la stagione è stato Sam Lowes con 30 scivolate nel corso del suo 2016 in Moto2™. Lo seguono in questa particolare classifica Gabriel Rodrigo (Moto3™) con 27 e Cal Crutchlow (MotoGP™) con 26 scivolate.

Il campione del mondo MotoGP™ Marc Marquez è caduto 17 volte ma solo tre in gara.

Il GP dove c’è stato il numero più alto di incidenti è stato quello d’Australia. Nel fine settimana a Phillip Island gli incidenti sono stati 90, aumentati di oltre il 90% rispetto al 2015 dove si è corso sull’asciutto. La curva dove si è sbagliato di più sulla pista di Victoria, e quindi nel 2016, è stata la Honda Turn, ostacolo invalicabile per 32 volte.

Il GP d’Italia al Mugello e il neo ritornato Red Bull Ring di Spielberg invece, sono stati teatro del più basso numero di scivolate stagionali, 34 a GP.