Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
23 giorni fa
By motogp.com

Test di Valencia, grande lavoro dello Sky Team VR46

Sta per finire il precampionato della Moto2™ e Moto3™; il top team italiano lascia Cheste con ottime sensazioni

Si chiudono i test al Ricardo Tormo per le cilindrate Moto2™ e Moto3™ e si guarda già all’inizio della stagione sulla pista di Losail anticipato dalle ultime prove ufficiali a Jerez de la Frontera. Molti team hanno partecipato alla tre giorni al Ricardo Tormo e da lunedì 26 febbraio, alcune della squadre più importanti delle categorie inferiori, sono scese in pista per un intenso lavoro. Al battesimo della pista anche il futuro binomio della classe di mezzo Kalex - Triumph.

Le precipitazioni e il freddo hanno però inciso sui test e spinto a chiudere anzitempo i box di molte scuderie. Como lo Sky Racing Team VR46 che martedì ha lasciato la pista di Cheste dopo un ottimo piano di lavoro svolto il giorno anteriore. Francesco Bagnaia, già tra i più veloci del precampionato e futuro pilota Ducati, si è concentrato sul setting della sua Kalex provando alcuni nuove componenti. Vittima di una caduta senza preoccupazioni, Pecco a lavorato al fianco di Luca Marini. Il numero 10 si è detto soddisfatto della moto.

“Una due giorni di test particolare: ieri le condizioni dell’asfalto non erano ottimali, la pista era molto scivolosa”, racconta Pecco, “Mentre nel secondo giorno il meteo e le basse temperature hanno compromesso la giornata. Nonostante la scivolata di ieri, che mi ha fatto perdere un po’ di tempo, sono soddisfatto di quanto fatto. Nel pomeriggio siamo riusciti a provare diverse nuove soluzioni, ho girato abbastanza forte e con un buon ritmo”. Termina Bagnaia. “Sono curioso di tornare in pista a Jerez per continuare a lavorare su queste novità tecniche”.

Il commento di Marini: “Dopo il buon lavoro del primo giorno, purtroppo non abbiamo potuto scendere in pista a causa del meteo. Insieme al team, abbiamo preferito conservare un giorno di test da sfruttare meglio durante la stagione e magari su un’altra pista. Sono contento del lavoro fatto, Kalex e Ohlins hanno portato diverse novità tecniche molto interessanti”. Conclude. “Mi sono concentrato sulla mia guida su questa pista, che non è tra le mie preferite, e ho già visto alcuni miglioramenti considerato anche che le condizioni dell’asfalto e la temperatura non erano ottimali”.

Prosegue la marcia di avvicinamento al primo GP della stagione anche per gli alfieri in blu e azzurro della classe cadetta. Dennis Foggia ha svolto un intenso programma di lavoro con il telaio fino a che la febbre lo ha costretto al ritorno a casa. Nicolò Bulega ha invece dedicato le prove valenziane all’impegno sul setting riscontrando buone sensazioni con la nuova KTM ma dovendo abbassare il ritmo a causa degli strascichi dell’infortunio del 2017 alla caviglia.

“Sono contento di essere tornato in pista”. Afferma Bulega. “Ieri abbiamo fatto un gran lavoro, il tempo sul giro secco non è stato perfetto, ma ho ancora margine e sono tranquillo. Abbiamo provato diverse soluzioni e spero di poter fare un altro passo in avanti a Jerez”. Chiude Foggia: “Non è stato il test che mi aspettavo. Purtroppo, a causa di un malessere non ero al 100% della forma e, anche causa meteo, non ho potuto sfruttare la seconda giornata di lavoro. Nel complesso sono comunque contento di quanto fatto su ciclistica e bilanciamento dei pesi. Spero di recuperare tutte le energie necessarie in questi gironi di pausa per tornare competitivo a Jerez".

 “Una giornata molto impegnativa, peccato per il meteo, così abbiamo preferito conservare un giorno di test da sfruttare più avanti durante la stagione”. Le parole del team manager Pablo Nieto, alla fine dei test. “Nel complesso abbiamo portato a termine gran parte del lavoro programmato e siamo sicuri di poter finalizzare le ultime modifiche al test IRTA di Jerez della prossima settimana”.

Altri scuderie sono scese in pista, come il team Forward Racing, tra i più impegnati con le novità stagionali sulla nuova Suter. Per Stefano Manzi ed Eric Granado molte novità tra le quali alcune nuove sospensioni Öhlins. Al Ricardo Tormo hanno anche lavorato, nella sola giornata di martedì Mattia Pasini e Andrea Locatelli (Italtrans Racing).

Prossimo appuntamento, le prove ufficiali a Jerez dal 9 all’11 marzo. Saranno le ultime del precampionato, poi si volerà in Qatar per il primo GP. 

Consigliati