Per la prima volta su motogp.com?Registrati qui

Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
20 giorni fa
By motogp.com

Sei stelle per il 2018 del team Marc VDS

La scuderia azzurra apre ufficialmente la stagione, due campioni sono i rookie in Moto2™ e in MotoGP™

Il team Estrella Galicia 0,0 Marc VDS inizia la stagione 2018 come protagonista. La presentazione ufficiali della struttura capitanata da  Marc van der Straten, Michael Bartholemy ed Emilio Alzamora si è svolta a Madrid al mitico circuito di Jarama. Tante le novità di quest'anno nella formazione, a partire dell’arrivo nella massima serie di Franco Morbidelli, campione del mondo Moto2™ affiancato dal suo avversario dell’anno scorso: Tom Luthi. Mezzo cambio di line-up si è avuto poi nella categoria di mezzo. La scuderia ha infatti ingaggiato il re della Moto3™ Joan Mir. Il maiorchino, che non prenderà parte alle prove di Jerez del 6 marzo, dividerà il box con Alex Marquez. Nella classe cadetta l’altra conferma: Aron Canet, con obiettivi iridati, sarà compagno di Alonso Lopez, promessa del motociclismo spagnolo che ha brillato nel campionato nazionale.

EG 0,0 Marc VDS, a tutta verso il primo GP

Dopo le parole dei vertici sportivi, quelle di piloti Moto3™. “Sono felice di essere qui”, commenta Canet. “Voglio stare davanti in ogni sessione in questo 2018 e provare a lottare per il campionato. Mi danno favorito per il titolo, credo che questo sia un buon segnale: significa che il grande lavoro fatto in questi anni è servito”. Per Lopez tutto nuovo ma nella continuità avendo corso nel campionato spagnolo con gli stessi colori: “Sono cresciuto in questa struttura”, afferma il madrileno classe 2001. “È una cosa che potrebbe darmi un vantaggio sapendo già come lavora il box. Il mio obiettivo è migliorare e dare sempre il 100%”.

Mir e la defezione dai test a Jerez

In Moto2™ si punta a grandi risultati sposando le certezze alla novità. “L’obiettivo è indubbiamente vincere”, il pensiero Marquez, quarto in classifica generale nel 2017 con sei podi all'attivo. “Già nel precampionato le sensazioni sono buone e abbiamo fatto un grande passo in avanti. Dobbiamo imparare dagli errori della scorsa stagione per fare meglio”. Discorso diverso per il nuovo arrivato: “Credo che per vincere serva avere un team titolato alle spalle e anche questa volta ho una grande scuderia”, Mir ha detto di apprezzare il progetto Marc VDS che punta a far crescere giovani piloti dal CEV alla categoria regina. “È il mio primo anno in una categoria esigente come quella mediana, tutto quello che arriva è buono”.

Ma è in MotoGP™ la struttura ha rivoluzionato il progetto con due rookie molti competitivi. “Sono con una squadra molto professionale e questa può essere la chiave per una buona stagione”, la dichiarazione di Luthi alle quali segue quella del collega: “È certo che arrivare al debutto come campione ti dà un motivazione aggiuntiva. Ma è comunque una nuova pagina di storia quindi è come iniziare tutto da zero e imparare a poco a poco”. Sarà un Morbidelli votato alla calma come nel campionato Moto2™? “C’è tempo per rilassarsi, ma fuori dalla pista. Dentro, sicuramente tutto è molto più veloce. Di test in test siamo migliorati, è stata una buona cosa e nell’ultimo giorno in Qatar abbiamo chiuso a 1,1s dal primo tempo. Va bene, ma questo significa che il mio obiettivo reale è finire la gara tra il decimo e il quindicesimo posto”. Termina descrivendo le sensazioni sulla RC213V: “La Honda non è affatto una moto facile all’inizio, ma ogni volta che salgo in sella mi sento meglio della precedente. Non è difficile, ma è poco intuitiva, ci sono molte cose da capire per guidarla bene e noi stiamo procedendo nella giusta direzione”.

Consigliati