Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
2 giorni fa
By motogp.com

Petrucci: "Il mio target era la prima fila"

Ancora grande Petrux, è secondo tempo nelle qualifiche nel far - west Qatar

Al Losail International Circuit Danilo Petrucci continua ad essere velocissimo e, dopo il secondo posto, delle prove libere chiude come terzo le qualifiche conquistando la prima ‘front row’ stagionale, la quarta in carriera. Il portacolori Alma Pramac Racing va forte anche nelle FP3 condizionate dal vento e nelle quali nessuno è riuscito a migliorare il tempo delle FP2. Il passo gara è eccellente nelle FP4 e nella lotta per la pole il pilota italiano spinge fortissimo chiudendo il secondo time attack a soli 5 millesimi dal secondo posto di Marc Marquez (Repsol Honda) e a 2 decimi dalla pole battendo il record del 2008.

Come è stato battuto il record di Losail?

“Il mio target era la prima fila, è il miglior modo per iniziare la stagione”, commenta a caldo Petrucci. “So che novi piloti possono fare loro il GP e credo che in questa prospettiva sia stato importante assicurami la terza casella. Non immaginavo di fare questo tempo. Sono vicino a Marc e dietro a Zarco, so che domani sarà difficile”.

Petrucci descrive quella che sarà una bagarre dallo spegnersi del semaforo del via alla bandiera a scacchi. “In tanti, troppi, hanno le carte in regola per vincere. Anche lo stesso Dovizioso, pur dalla seconda fila, ha un ritmo da vittoria. Là davanti sarà una battaglia e la chiave è riuscire a gestire le gomme e girare veloci con costanza”.

Petrucci: "La Q2 come il west"

Oltre alla scommessa delle mescole fondamentale saranno le condizioni climatiche. Nel secondo giorno di GP il vento ha infastidito i piloti e, cosa peggiore, ha sporcato di sabbia la pista rendendo ogni curva una scommessa.

“In FP4 ho tenuto un bel passo. Le condizioni comunque erano difficili. Tra vento e sabbia in pista potevi tenere una sola linea. Ma, nonostante questo, sono riuscito a fare un bel giro ed è la cosa più importante per domani”.

La conferenza stampa delle qualifiche a Losail

Prima fila, coscienza dei pericoli e una GP18 che resta un muscoloso e docile puledro. Su questo il Petrux non ha dubbi: “È la più bella moto che abbia mai guidato, sono pronto per questa grande domenica”.