Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
23 giorni fa
By motogp.com

Libere ad Assen, le novità tecniche di Ducati e Suzuki

Modifiche al telaio per le desmodromiche, aggiornamenti motoristici per le GSX – RR

Il primo giorno di GP ad Assen ha visto subito una grande lotta per dominare le libere. Ma in pista e nei box si è assistito all’introduzione di alcune importanti novità a livello tecnico.

Tra i team precursori in questo campo quelli Ducati. Le moto di Borgo Panigale sono sembrate da subito le migliori sulla pista della Drenthe, le più stabili in curva e in piega. Una importante novità che ha riguardato le DesmosediciGP è stata una modifica al telaio presente su una delle due moto di Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo. La componente della GP18, infatti, presenta una rinforzo in carbonio nella parte inferiore seguendo la logica portata in pista nei test di Barcellona da Danilo Petrucci. Il ternano della struttura più che satellite Alma Pramac Racing unisce da sempre il lavoro di pilota a quello di tester e anche in questa stagione, ha provato alcune novità. Come quella al telaio, sulla moto satellite con un rinforzo in alluminio.

Support for this video player will be discontinued soon.

Assen, le novità tecniche

Questa via era già stata provata dal Team Suzuki Ecstar ma nella parte superiore. Proprio nel primo giorno olandese la scuderia di Hamamatsu ha continuato il proprio sviluppo ma dal punto di vista motoristico e non ciclistico, come detto dal team manager Davide Brivio, con alcuni aggiornamenti sul motore della GSX – RR.

“Oggi è stato meglio di come pensavo”, afferma Dovizioso, sesto in combinata. “Anche con le gomme dure siamo stati tra i più efficaci. Dobbiamo però migliore per essere competitivi per la qualifica”. Per quanto concerne la novità tecnica il commento è positivo. “Non ho avuto sensazioni molto diverse in curva ma in rettilineo la moto mi è sembrata più stabile”.

Lo sviluppo sul telaio come commentato dal box Ducati serve per trovare una diversa rigidità nelle tecniche curve di Assen e nei tratti rettilinei.

La parola a Lorenzo, settimo a fine FP2: “Dobbiamo fare alcune modifiche alla moto per farla funzionare. Dovi ha usato di più questo telaio ma sembra che la moto sia più stabile con questo rinforzo”.