Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
11 giorni fa
By motogp.com

Vittoria e titolo, la Moto2™ è italiana

A Sepang, lo Sky Racing Team si prende tutto: successo e dominio del campionato. Il merito è della squadra

Francesco Bagnaia, terzo al traguardo del Gp della Malesia, è Campione del Mondo in Moto2 con lo Sky Racing Team VR46. Dopo una stagione incredibile con 8 successi e 12 podi complessivi, Pecco si aggiudica il titolo nella classe intermedia. Impresa completata anche dalla prima vittoria in carriera di Luca Marini, che ha dominato il GP.

Bagnaia: “Abbiamo vinto insieme”

Pecco, talento cresciuto nell’orbita di Sky e della VR46 Riders Academy fin dal 2014, rookie of the Year in Moto2 nel 2017, è il vero protagonista della stagione 2018. Dopo la vittoria nella gara inaugurale in Qatar, sono seguiti i successi in Texas, Francia, Olanda, Austria, San Marino, Thailandia e Giappone che gli hanno permesso di arrivare a quota 304 punti in classifica generale. Con 16 podi nel biennio 2017/2018, tutti con lo Sky Racing Team VR46, è uno degli italiani più vincenti nell’albo d’oro della Moto2.

Pecco campione, Marini al successo

Giornata storica per il Team coronata anche dalla prima vittoria di Luca, secondo ieri in qualifica, impressionante nel warm up e capace di imporre il suo ritmo in gara fino a  dominare dalla prima all’ultima curva.

“È una giornata speciale per tutti: per i piloti, per Pecco e la sua famiglia, ma soprattutto per chi ha lavorato con tanta passione, impegno e dedizione per arrivare fino a qui”. Pablo Nieto celebra il successo. “E’ una gioia e una soddisfazione incredibile per tutti perché abbiamo visto Pecco crescere dal 2014 ad oggi, perché lo abbiamo sempre sostenuto e quest’anno ci ha ripagati con una stagione davvero da record prima di intraprendere un nuovo percorso importantissimo per la sua carriera ed il suo futuro. Non voglio pensare ai numeri, ai record, voglio ricordarmi questo gruppo di ragazzi al parc ferme che esultano per un traguardo in cui hanno creduto per tanto tempo. Voglio ricordarmi un Campionato dove Pecco ha dato il 100% fin dalla prima gara, ha dimostrato di avere un gran talento e di essere in grado di gestire al meglio ogni situazione”. Termina il team manager. “E poi la vittoria di Luca. E’ la ciliegina sulla torta: tanto lavoro, uno step in avanti importantissimo e oggi la consapevolezza di poter essere li a lottare al fianco dei più forti”.

Pecco è il migliore

La parola a Pecco, che ha festeggiato cambiando la livrea alla moto e la tuta con un casco speciale che riunisce la sua famiglia, “E’ difficile trovare le parole giuste: siamo Campioni del Mondo. Un’emozione unica, incredibile. Sono arrivato qui con tanta pressione, sapevo di poter vincere il Campionato e ho cercato di pensarci il meno possibile. Poi ieri, dopo la qualifica, qualcosa è cambiato. Tutto ha iniziato a diventare reale. Dopo la pre season, ho capito che avevamo il potenziale per giocarci il titolo, ma adesso è diverso, adesso siamo Campioni del Mondo davvero dopo un anno da record con otto vittorie, pole e un lavoro splendido da parte di tutti. La lista di persone da ringraziare è infinita: Vale, Uccio e tutta l’Academy, Elena e tutto Sky, la mia famiglia, mia sorella e la mia fidanzata. Pablo e Idalio che sono stati fondamentali dentro e fuori la pista. Poi la mia squadra: David, Sergio, Peru, Carletto e Leo. E’ una vittoria di tutti. Gli ultimi 10 giri è stata durissima, poi il penultimo giro ho iniziato a realizzare a a piangere ed urlare dentro il casco. Una gara difficile, ho cercato di non strafare e Luca è stato grande. Se lo merita perché è stato tra i più veloci tutto il weekend e tra i più competitivi durante la stagione” .

Pecco o Morbidelli, chi è più forte? Rossi dice…

A fine gara e fine celebrazione con il team, Bagnaia ha fatto il giro dei box raccogliendo i complimenti di tutto il paddock. Speciali quelli della sua ex squadra in Moto3™, l'Aspar Team oggi Angel Nieto Team.

“Che gara per tutto il Team e che vittoria!” Commenta Marini. “È stata dura: sono partito subito forte per cercare di stare avanti e respirare con queste temperature. Ho spinto perché, dopo il warm up, sapevo che ero uno dei più forti. Avevo un ottimo feeling con la moto, sapevo come gestire la gomma e lo sforzo fisico. Ero felice del feeling con la moto, ho cercato di dare il 100% per mettere dello spazio, ma Miguel non ha mollato fino alla fine. È la mia prima vittoria nel Mondiale, un giorno speciale da condividere con il Team, l’Academy, tutti quelli che mi hanno sempre supportato e Pecco che ha fatto qualcosa di incredibile”.

Prossimo appuntamento in calendario il Gran Premio Motul de la Comunitat Valenciana, al via dal 18 novembre. Non perdere il Gran Finale di stagione! Segui tutte le sessione LIVE e OnDemand con il VideoPass.
Qualche giorno dopo, sulla stessa pista, inizieranno i primi test del 2019. Resta aggiornato su tutte le novità del campionato su motogp.com.

Consigliati