Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
9 giorni fa
By motogp.com

Crutchlow è tornato… in vetta

Prova superlativa del britannico che a Losail sale sul podio dopo il difficile precampionato. E sui rookie ha le idee chiare

Quasi quattro mesi senza pensare neanche alla moto, poi i primi giri, poi il grande ritorno. Cal Crutchlow ci mette due GP e tanta personalità per ritornare grande dopo l’infortunio sofferto a Phillip Island nel 2018. A Losail, il pilota LCR Honda Castrol inizia la gara dalla sesta posizione, recupera fino alla lotta per il podio e non molla di un metro chiudendo di poco dietro al duello Dovizioso – Marquez. È una prestazione grandissima che arriva alla fine di una pre-stagione nella quale i dubbi addirittura sul tornare in sella erano ben presenti data la brutta frattura alla caviglia. Un intervento, un lungo periodo di riabilitazione e alla prima Crutchlow si fa trovare pronto.

Support for this video player will be discontinued soon.

Crutchlow: “In partenza mi stavano tirando giù”

“La moto andava veramente bene”. Ha detto il numero 35 HRC a fine gara. “Se nei test mi avessero detto che sarei finito sul podio non gli avrei creduto”. Prosegue. “Dopo l’incidente in Australia non sapevo nemmeno se sarei tornato a camminare. Ad un certo momento temevo che non avrei più corso, oggi è quasi un sogno”, aggiunge Crutchlow.

“Abbiamo lavorato bene e ho giocato bene le mie carte. Lucio e il team meritano questo risultato ancora più di me perché hanno avuto fiducia nei miei confronti”.

La gara in Qatar dell’inglese è stata dura. Costretto a battagliare per lunghi tratti con i due piloti Suzuki, il veloce Alex Rins e Joan Mir, rookie della MotoGP™. È stata una gara complicata, con tanti aspetti da gestire e avversari forti” Ha ammesso Crutchlow. “Mi sono divertito ma gli esordienti devono sapere non sempre si può giocare così duro. Se voglio sorpassare al limite, sappiano che io posso farlo più di loro”, ha precisato Crutchlow.

“Mir è appena arrivato dalla Moto2™, capirà molto presto come deve comportarsi, soprattutto lottando con Marc (Marquez, ndr) e gli altri”. Termina. “Ma da fuori la corsa è stata davvero spettacolare”.

Qui l’ordine di arrivo e la classifica iridata.

Prossimo appuntamento il GP in Argentina al via dal 29 marzo. Resta su motogp.com e vivi la tua passione LIVE e OnDemand con il VideoPass!

Consigliati