Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
7 giorni fa
By motogp.com

Il saggio Dovi, primo in campionato

In un fine settimana in salita, Desmo Dovi trova la vetta iridata. Se non è forza questa?

Andrea Dovizioso saluta il COTA dopo aver conquistato il primo posto in classifica iridata. Chi lo avrebbe detto alla fine delle qualifiche, complicatissime per il forlivese del team Mission Winnow Ducati? Il GP delle Americhe per il vicecampione del mondo è da subito in salita dopo le difficili libere, il cambiare del meteo nel sabato e una moto che non si adatta totalmente alle chiusure di curva del COTA. Tredicesimo al via, Dovizioso trova delle sensazioni sufficienti per restare con i piloti davanti. Rimonta fino al quinto posto, ma come lo stesso ammette, ‘era troppo difficile’ fare meglio e sorpassare. Cadono due piloti, Marc Marquez (Repsol Honda) e Cal Crutchlow (LCR Honda Castrol) e Desmo Dovi è quarto sotto la bandiera a scacchi con 13 punti iridati che gli danno gli slanci per dominare la classifica generale dopo la vittoria in Qatar e il podio a Termas.

“Sono contento del risultato”, commenta Dovizioso, ora davanti in campionato con 54 punti su Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP). “Una grande gara, soprattutto perché sono partito tredicesimo. Inoltre, penso che se avessi fatto una bella gara avrei chiuso come terzo. È stata una gara molto dura, nei primi giri ho avuto problemi con la gomma davanti e non avevo ritmo per stare nel gruppo di testa”, prosegue Desmo Dovi. “Ma giro dopo giro ho recuperato e sono riuscito ad essere molto competitivo anche che mi mancava lo spunto per superare Miller. Abbiamo avuto fortuna anche perché davanti a me ci sono state alcune cadute e questo succede quando si va al limite”.

Dovizioso parla della lotta iridata e del rinnovato primato. “Siamo nuovamente davanti in classifica iridata, piloti e costruttori e le sensazioni con la moto sono migliori rispetto al 2018 ma non è sufficiente”, termina. “I nostri rivali sono forti e noi dobbiamo crescere”.

Danilo Petrucci chiude come sesto: “La sesta posizione, dopo tutti i problemi che abbiamo avuto non è male e possiamo dire che è quasi un buon risultato qui in Texas. Torniamo a casa con importanti punti iridati e il quinto posto in campionato dopo una gara su una pista non così amica”.

Prossimo appuntamento Gran Premio Red Bull de España, al via dal 3 maggio. Resta su motogp.com e vivi la tua passione LIVE e OnDemand con il VideoPass!

Consigliati