Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
7 giorni fa
By Nick Harris

Tanti auguri MotoGP™!

Dal blog di Nick Harris, dove e come tutto ebbe inizio. Questa settimana si festeggiano i 70 anni

425.047 km intono al mondo e tutto è partito settant’anni fa. Era la mattina del 13 giugno del 1949 e il Campionato del Mondo MotoGP™ iniziò il suo incredibile viaggio su un’isola in mezzo al mare increspato d’Irlanda. La prima gara iridata prese il via proprio in questo contesto ed è durata 45 minuti per una lunghezza totale di 60.721 km. Corse la classe 350 cc.

Freddie Frith fu il primo vincitore in sella ad una Velocette, moto britannica, con un record sul giro di 135,50 km/h. Tutti i 75 arrivati al traguardo erano in sella a due ruote costruite in Inghilterra, in quell’occasione ci fu anche il primo dramma, ossia, la morte di Ben Drinkwater nel corso del quarto giro.

Support for this video player will be discontinued soon.

La famiglia Repsol celebra 50 anni di competizioni

Quattro giorni dopo (17 giugno), l'occhialuto Harold Daniell vinse la prima gara della classe 500cc in sella ad una Norton toccando una media incredibile di 139,887 km/h che lo ha portato a chiudere la prova in meno di tre ore.

Qualche anno prima, Daniell era stato rifiutato nell’esercito a causa dei suoi problemi alla vista. L'irlandese Manliff Barrington vinse in 250 cc in sella alla Moto Guzzi e tre settimane dopo, la classe 125cc ha fatto il suo debutto sul circuito a Berna, in Svizzera, dove l'italiano Nello Pagani ha portato al successo la Mondial.

Questo è stato l’inizio del campionato e, dopo settant’anni, oggi la competizione motociclistica più famosa e più longeva è composta di 19 GP, tocca 15 paesi diversi dagli Stati Uniti alla Malesia.  Anche 19 sono le nazionalità rappresentate nelle tre categorie: Moto3™, Moto2™ e MotoGP™ (dal GP di Germania del 2019 inizierà anche la MotoE™). Nel 1949 i GP erano sei appuntamenti europei, tutti su tracciati cittadini ad eccezione di Monza, sui quali correvano quattro classi (125,250,350 e 500 cc) e i sidecar.

Quell’anno è stato il grande inizio di una storia che prosegue fino ad ora. Oggi tutto è deverso e la competizione non ha mai avuto paura di aprirsi al cambiamento, accettare il progresso e allargare le sue frontiere.

Tanti auguri MotoGP™, per tanti anni a venire!