Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
21 giorni fa
By AS.com

Santi Hernandez: "Non ha dimenticato come si va in moto"

AS.com ha intervistato il crew chief di Marc Marquez dopo la vittoria dell'otto volte campione del mondo al COTA

Dopo la seconda vittoria di Marc Marquez (Repsol Honda Team) dal suo ritorno dall'infortunio, AS.com ha incontrato il crew chief dell'otto volte campione del mondo, Santi Hernandez, per commentare il bottino di 25 punti del suo pilota e dell’importanza di questo risultato.

Cosa significa questa vittoria per Marc Marquez e per la squadra?

"Significa molto. Per Marc è una gioia, essere di nuovo al top e significa che non ha dimenticato come si guida una moto. È una ricompensa per tutto il lavoro che sta facendo per il suo recupero. Significa molte cose e lo stesso vale per noi perché non è stato un anno facile. Questo risultato ci incoraggia e ci fa sentire felici, per la squadra, ma soprattutto per Marc, che è quello che sta soffrendo".

Questa vittoria è più importante di quella del GP di Germania?

"Sia la Germania che Austin sono state importanti. Dopo aver passato un anno senza poter correre e con l'anno che abbiamo vissuto, ora ogni vittoria è importante. Non ne sminuisco nessuna. È vero che quella in Germania, che è arrivata dopo tanto tempo, è stata più emozionante".

Vedremo Marc Marquez vincere più gare nel 2021?

"Speriamo, speriamo di poterlo fare. Questo è ciò per cui si lavora, ma quest'anno non è facile essere sul podio. È costoso essere davanti. Per noi, quest'anno è per capire la moto e vedere cosa può essere migliorato e come possiamo iniziare a lavorare per il prossimo anno. E per Marc, in modo che possa recuperare e poco a poco ha le sensazioni di sempre".

Come vedi il livello fisico di Marc Marquez ora?

"Forse non è al cento per cento, come vorremmo, ma a poco a poco sta migliorando. Se confrontiamo come stava quando è tornato, a Portimao, con ora ci sono stati dei progressi, e questa è la cosa importante. Non si è bloccato nel suo recupero. È vero che è lento e quando è così lento sembra che i risultati costino di più, ma per me rimane che ora soffre meno".

Su AS.com puoi leggere l’intervista completa con Hernandez.