Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
6 giorni fa
By gazzetta.it

Rossi: “Il Mugello è stato il crocevia del campionato”

Il nove volte iridato a Deejay Chiama Italia. Dal 2015 a Linda, aspettando il Monza Rally Show.

Tags MotoGP, 2017

Valentino Rossi è stato ospite d’eccezione del celebre programma radiofonico Deejay Chiama Italia. Il pilota Movistar Yamaha ha parlato con Linus e Nicola Savino, conduttori del programma, affrontando molti ed eterogenei argomenti. Come scrive Gazzetta.it, l’occasione è servita per raccontare non solo di motociclismo ma anche di altro, di vita quotidiana come pilota e di vita intima come persona, terreno praticamente insondabile nella ventennale carriera del pluri-campione italiano. 

“Non vincere questo Mondiale mi è dispiaciuto”, ha detto Rossi, intervistato nel corso della puntata di giovedì primo dicembre. “Ma sinceramente mi è dispiaciuto di più non vincere quello dell'anno scorso. Quest'anno sono stato un po' sfortunato, ho sofferto delle scorie dell'anno passato che sono state molto difficili da digerire e ancora non ce l'ho fatta del tutto; è stata difficile fino alla prima vittoria di Jerez".

Rossi ha analizzato anche i momenti negativi della stagione, come la domenica al Mugello che avrebbe dovuto essere di trionfo e invece si è trasformata in grande delusione con la sua M1 circondata dal fumo di un guasto meccanico. “È stato il crocevia del campionato, se non si fosse rotto sarei stato in lotta. E quando sei in lotta è diverso. Quando sei a 30 punti è facile, ma quando sei a 5 anche per l'altro diventa tutto più difficile”.

Commenti molto interessanti sono arrivati anche in previsione della scorsa stagione parlando del nuovo e velocissimo compagno di squadra ma anche dell’ex rivale di box Jorge Lorenzo, “L'ho scelto io? Non è vero!”, ha precisato Rossi parlando di Maverick Viñales, “Avrei preferito uno come Pedrosa, uno un po' più vecchio. Speravo di avere un problema un po' più piccolo, invece Maverick sarà come minimo uguale. Però più simpatico”. Il riferimento è diretto al maiorchino, ora pilota Ducati. “Con Jorge i nostri rapporti si sono rovinati alla fine del 2015 perché abbiamo litigato abbastanza forte e da lì il rapporto non è più decollato. Però dopo l'ultima gara è venuto da me ad abbracciarmi, mi ha detto che mi ha sempre rispettato, è stato un bel momento”.

Valentino ha parole anche per Marc Marquez, nuovo pentacampione Repsol Honda: “Marquez? Fortunatamente non è il mio compagno di squadra. Penso che il 2015 abbia dimostrato molte cose su di lui, tra noi non ci sarà più niente a parte un normale rapporto di lavoro, rispetto”. Precisando quello che ora è il loro rapporto; indelebile lo scontro della stagione passata. “Comunque lui è veramente un gran pilota, è veramente forte. Non molla mai, dà sempre tutto per vincere, ha l'abilità di guida dell'ultima generazione. Poi lui ha uno stile particolare, con il gomito attaccato al terreno, spesso la moto gli si chiude davanti ma riesce a non cadere. È un po' troppo forte, mi sarebbe piaciuto fosse un po' meno forte”.

Parlando della quotidianità dell’essere pilota, di come ci si prepara alle gare, di come ci si veste e di cosa si manga, Rossi dice: “Dopo 20 anni provo ancora godimento in moto, se no me ne starei a casa. È il contorno che stanca un po'”, prosegue. “Cosa mangio prima della gara? Un piatto di pasta al pomodoro, però leggero, il pomodoro ce lo portiamo direttamente da casa, lo fa la signora Franca. L'abbigliamento? Nelle ultime gare, quelle in cui fa un po' freddo, mettiamo sotto una maglia termica. I primi anni mettevo il foglio di giornale della Gazzetta”.

Termina con una battuta che porta diretti alla sua vita intima, in questi anni difficilmente sondabile da media e dai fan, “Pensare che per vincere questo titolo mi sono anche sfidanzato con Linda. È vero, ora sta con Alonso; lei sì che il passaggio da MotoGP™ a Formula 1 lo ha fatto davvero!”.

Questo fine settimana Valentino Rossi sarà protagonista del Monza Rally Show.